Brasile, aumenta ancora la deforestazione in Amazzonia

Dall’inizio dell’anno, nella più grande foresta pluviale della Terra, sono stati deforestati oltre 1.200 chilometri quadrati.

Dopo essere calata per quasi 15 anni, l’anno scorso la deforestazione nell’Amazzonia brasiliana è tornata a crescere, mettendo a repentaglio il futuro di uno degli ecosistemi più importanti del pianeta che, da lussureggiante foresta pluviale, potrebbe trasformarsi in arida savana. Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, i tassi di deforestazione sono cresciuti ulteriormente.

Deforestazione illegale nel territorio dei nativi brasiliani Pirititi
La foresta amazzonica viene rasa al suolo per creare campi coltivati e scavare miniere © Felipe Werneck/Ibama/Flickr via AP

Deforestazione da record

Da gennaio ad aprile, secondo i dati pubblicati lo scorso 8 maggio dall’Istituto nazionale per le ricerche spaziali (Inpe), sono stati rasi al suolo 1.202 chilometri quadrati di foresta, il 55 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2019. Se invece si considera solo l’area disboscata ad aprile, circa 405 chilometri quadrati, c’è stato un incremento del 64 per cento rispetto allo stesso periodo del 2019. Negli ultimi dodici mesi la distruzione della foresta ha raggiunto il livello più alto dal 2007, anno di inizio del monitoraggio mensile.

Leggi anche: Giorgio Vacchiano. Stiamo perdendo l’Amazzonia, ed è anche colpa nostra

Quanta foresta abbiamo perso

Tra l’aprile del 2019 e l’aprile del 2020 è stata deforestata un’area di 9.320 chilometri quadrati, il 40 per cento in più rispetto all’anno precedente e più del doppio in confronto al 2018, facendo registrare un continuo incremento per tredici mesi consecutivi.

Ara gialloblu e ara scarlatto posati su un ramo
“La foresta amazzonica genera la propria pioggia grazie alla evaporazione di acqua dagli alberi – ha spiegato Giorgio Vacchiano -. Se gli alberi vengono meno, la pioggia viene meno, e la siccità fa morire altri alberi, dando luogo a un circolo vizioso senza ritorno” © Andrew.jk/Flickr

Le responsabilità di Bolsonaro

Non è un caso che la deforestazione sia impennata nell’ultimo anno, ovvero da quando Jair Bolsonaro è diventato presidente del Brasile. Bolsonaro ha infatti, fin dalla campagna elettorale, fatto capire che per lui la foresta amazzonica è innanzitutto una risorsa economica da sfruttare.

Leggi anche: La deforestazione in Amazzonia si avvicina al punto di non ritorno

Dalla sua elezione ha, tra le altre cose, indebolito le normative ambientali, ridotto drasticamente le sanzioni per la deforestazione illegale, tagliato budget e personale dell’agenzia ambientale Ibama, diminuito il ruolo degli scienziati nel governo, aperto i territori indigeni all’assalto delle multinazionali e, addirittura, accusato DiCaprio di aver finanziato gli incendi in Amazzonia.

Leggi anche: Brasile, il presidente Bolsonaro incarica l’esercito di proteggere l’Amazzonia

Interviene l’esercito per frenare la deforestazione

Nonostante la tutela dell’ambiente non risulti dunque tra le sue priorità, gli allarmanti tassi di deforestazione e il dissenso internazionale hanno costretto Bolsonaro ad intervenire: lo scorso 5 maggio ha autorizzato l’esercito ad intervenire contro la distruzione della foresta amazzonica. Questa decisione è stata però criticata da conservazionisti e ambientalisti, che ritengono sarebbe stato meglio aumentare le risorse a disposizione delle agenzie ambientali, che hanno una maggiore conoscenza della foresta e delle minacce che la affliggono.

 

Una stagione di fuoco

Lo scorso anno gli stati di Rondônia, Amazonas, Pará e Mato Grosso furono colpiti da violenti roghi, le fiamme bruciarono milioni di ettari di foresta pluviale e il fumo oscurò la città di San Paolo. Si teme che la crescente deforestazione, combinata al clima eccezionalmente secco in vaste aree del Brasile, lasci presagire un’altra stagione degli incendi particolarmente grave, con conseguenze per il mondo intero, dato che la foresta amazzonica è il principale deposito di anidride carbonica del pianeta.

Articoli correlati
Economia circolare, l’Europa accelera

La Commissione europea ha annunciato l’adozione di una strategia per ridurre rifiuti e uso di materie prime grazie all’economia circolare. Tra gli obiettivi: imballi più semplici, fatti con un solo materiale, e riutilizzabili