Un medico canadese ha fatto la prima diagnosi per “cambiamenti climatici”

Il dottor Kyle Merritt del Kootenay medical centre, in Canada, ha classificato il riscaldamento globale come la causa delle patologie di una paziente.

La crisi climatica ha un enorme impatto non soltanto sull’ambiente che ci circonda, ma anche sulla nostra salute. Per questo un medico canadese, Kyle Merritt, frustrato dai tanti pazienti arrivati in ospedale in seguito all’ondata di calore che ha colpito il paese la scorsa estate, ha deciso di diagnosticare ufficialmente una donna come vittima dei cambiamenti climatici 

Canada
Il panorama in British Columbia © Jake Hills/Unsplash

Chi è la paziente in questione

L’Organizzazione mondiale della sanità stima che la crisi climatica stia causando più di 150mila decessi ogni anno, ma fino a oggi nessuna patologia era mai stata diagnosticata come direttamente collegata all’emergenza in corso.  

Kyle Merritt, responsabile del Dipartimento di pronto soccorso del Kootenay medical centre di Nelson, British Columbia, ha deciso di cambiare le cose. “Se ci limitiamo a trattare i sintomi senza analizzarne le cause effettive, rimarremo sempre più indietro”, ha detto parlando con il gruppo editoriale canadese Glacier Media.  

La paziente in questione è una donna di circa settant’anni, residente in una roulotte e affetta da asma, diabete e insufficienza cardiaca. A causa dell’aumento delle temperature “tutti i suoi problemi sono peggiorati”, ha affermato Merritt, che ha poi espresso frustrazione nei confronti del sempre più alto numero di pazienti trattati al pronto soccorso con sintomi ricollegabili all’aumento delle temperature 

Canada
L’inverno nella regione del Kootenay © Tim Hart/Unsplash

Da medici ad attivisti 

Nell’area del Kootenay, la parte surdorientale della British Columbia, i medici non sono rimasti indifferenti. Durante l’estate circa 40 dottori del Kootenay medical centre hanno avviato “Doctor + nurses for planetary health” [“Medici e infermieri per la salute planetaria”], un’associazione nata proprio per sensibilizzare riguardo al legame sempre più forte tra cambiamenti climatici e salute. 

“Come professionisti del settore sanitario siamo profondamente preoccupati dal riscaldamento globale e dal suo impatto sulla salute”, si legge sul sito dell’iniziativa. “Purtroppo, a differenza della Covid-19, non possiamo tracciare in modo accurato l’impatto di questa emergenza sulla salute pubblica. In quanto medici e infermieri/e, però, abbiamo toccato con mano gli effetti fisici e mentali che i cambiamenti climatici stanno avendo sui nostri pazienti e sulla nostra comunità”.  

Canada
Un ospedale in Canada © Graham Ruttan/Unsplash

L’ondata di calore in Canada 

Durante l’estate, l’ovest del Canada e l’area nord-occidentale degli Stati Uniti sono state colpite da un’ondata di calore anomala, con temperature vicine ai 50 gradi centigradi nei pressi di Vancouver. Tra fine giugno e inizio luglio una vera e propria cupola di calore ha attanagliato l’area, causando o contribuendo alla morte di 486 persone in soli cinque giorni. Le autorità locali hanno dichiarato di “non aver mai visto niente del genere”.

Nello stesso periodo temperature fuori da ogni norma sono state registrate anche nei vicini Stati Uniti, con picchi di 47 gradi a Las Vegas e più di 54 gradi centigradi nella Death Valley californiana. La crisi climatica è arrivata, e si sta facendo strada all’interno degli ospedali.

Articoli correlati
Quali paesi si sono impegnati a raggiungere la neutralità climatica

L’azzeramento delle emissioni nette di CO2 (o carbon neutrality) consiste nel raggiungimento di un equilibrio tra le emissioni e l’assorbimento di CO2. Prima e durante i lavori della Cop26 di Glasgow si sono moltiplicati gli annunci da parte dei vari capi di stato in merito alla riduzione delle emissioni di CO2 in atmosfera. Molti hanno fissato una limite. Vediamo chi ha dato questo annuncio.

La Cop26 è andata così

Com’è andata la Cop26, un commento a mente fredda sulla conferenza sul clima di Glasgow. Non è ancora il tempo per abbandonare la speranza.