Integratori

Curcuma, toccasana (anche) per le articolazioni

Con il freddo si riacutizzano dolori e rigidità articolari. Una spezia giallo oro, la curcuma, aiuta a mantenere l’elasticità delle articolazioni e a combattere i disturbi infiammatori. Fondamentale scegliere gli integratori giusti.

Originaria dell’India, ma diffusa in tutte le zone tropicali, la curcuma viene estratta dal rizoma di una pianta erbacea perenne, la Curcuma longa, che appartiene alla stessa famiglia dello zenzero. Ingrediente tradizionale del curry, usata per secoli come colorante alimentare e tintorio (le tuniche dei monaci buddisti erano tinte con questa sostanza), la curcuma è presente da secoli nella farmacopea cinese e in quella ayurvedica. “Le sue proprietà antibatteriche, antinfiammatorie e antiossidanti ne hanno giustificato, presso queste antiche medicine, la fama di spezia sacra e pianta regina del benessere e del ringiovanimento di tutto l’organismo”, spiega Elena Rastaldi, farmacista esperta di fitoterapia a Rho.

curcuma
Piante di curcuma © Ingimage

Curcumina, potente principio attivo

“La scienza oggi conferma questi dati”, prosegue l’esperta. “Gli studi scientifici hanno preso avvio una quarantina di anni fa indagando anzitutto i componenti attivi del rizoma (oltre un centinaio). I principali, responsabili del caratteristico colore giallo oro, sono i curcuminoidi, e in particolare la curcumina”. Quali sono le sue proprietà? La curcumina è uno dei più potenti antiossidanti, molto più efficace della vitamina C e della E. “Si è visto che, a differenza di altri antiossidanti, non solo è in grado di prevenire la formazione di radicali liberi ma anche di neutralizzare quelli esistenti. E, dato che la formazione di radicali e lo stress ossidativo sono alla base di molte patologie, dall’influenza ai problemi osteoarticolari, la curcuma si rivela una validissima sostanza dalle proprietà preventive e terapeutiche per molti disturbi” spiega ancora Rastaldi.

Leggi anche: Curcuma, proprietà, radice fresca o secca 

Antinfiammatorio naturale

Recentemente, grazie a studi specifici, è stata meglio precisata la sua attività antinfiammatoria: “La curcuma modula l’espressione di fattori come le citochine infiammatorie ciclossigenasi e lipossigenasi che intervengono nei disturbi osteoarticolari, migliorando la sintomatologia di dolori lombari, osteoartriti e artrosi”, prosegue l’esperta. “Inoltre, un recente studio clinico comparso su Journal of Evidence Based Integrative Medicine, ha aperto prospettive inedite sulla curcuma individuando un nuovo campo d’azione: il benessere intestinale. Sembra che la curcuma si comporti come un probiotico combattendo la disbiosi causata da germi patogeni. Dato il ruolo chiave dell’intestino in molte malattie, la curcuma potrebbe favorire la salute dell’organismo anche su questo fronte”.

 

curcuma
La curcuma svolge attività antinfiammatoria © Ingimage

Sicurezza e avvertenze

La curcumina è una sostanza sicura: la Fda americana ne ha decretato lo stato di Gras (General recognition and safety, Generalmente riconosciuta sicura). In uso alimentare si possono consumare fino a 12 grammi di curcuma in polvere al giorno. Il problema è la limitata biodisponibilità della curcumina, ciò significa che solo una piccola parte di quella ingerita con il cibo viene effettivamente utilizzata dall’organismo. Un’alternativa è rappresentata dagli integratori, dove l’aggiunta di pepe nero, come nella tradizione ayurvedica, e particolari tecnologie di lavorazione ne aumentano l’assimilazione. In questi casi la dose giornaliera stabilita dall’Efsa per gli integratori è di 3 mg per chilo di peso corporeo al giorno. “Unica controindicazione all’uso di questa sostanza, la presenza di disturbi epatici”, precisa Rastaldi. A tutela dei consumatori, da quest’anno infatti è obbligatoria per gli integratori di curcuma l’etichetta con la seguente avvertenza: “In caso di alterazioni della funzione epatica biliare o di calcolosi delle vie biliari l’uso del prodotto è sconsigliato. Se si stanno assumendo farmaci è opportuno sentire il parere del medico”.

Curcuma piperina
Curcuma + piperina bio © Arkopharma

Arkocapsule Curcuma + piperina bio di Arkopharma per articolazioni in forma

Dall’esperienza di Arkopharma, azienda leader nella produzione degli integratori alimentari, è nata Arkocapsule Curcuma + piperina bio. La formula, studiata per il benessere delle articolazioni, contiene estratto di curcuma bio a elevata concentrazione di curcumina ed estratto di pepe nero bio (entrambi con certificazione Ecocert). Vegetale al 100 per cento, è indicata per i vegani. Totalmente vegetali infatti sono non solo gli attivi ma anche eccipienti e coloranti. Fa parte della mission Arkopharma proporre prodotti efficaci uniti a un’alta tollerabilità nel rispetto della natura.

Articolo sponsorizzato

Articoli correlati
Magnesio, il minerale che sostiene la funzione muscolare

Il magnesio sostiene le funzioni muscolari favorendo i processi di decontrazione. Partecipa anche alla formazione delle proteine, sostenendo la struttura di tutti i tessuti corporei, quindi anche i muscoli. Il cuore e l’intestino sono rivestiti di muscolatura che necessita di magnesio per supportare le loro essenziali funzioni.