Ebike, (anche) in Italia è boom. Ecco le novità del momento

Al Cosmobike Show di Verona le protagoniste sono le ebike. E tra rivisitazioni, novità assolute, ecco una nostra selezione.

Le bici elettriche piacciono sempre di più. Anche in Italia. Sarà per la pedalata assistita, che permette di raggiungere i 25 km/h senza fare molta fatica, o sarà per il fatto che non si deve fare il pieno di carburante, ma le ebike battono il record dei 50 mila esemplari acquistati in Italia nel 2014, ben 854 mila in Europa.

 

pDBfWwm

 

Un’alternativa sostenibile, in particolare per la mobilità urbana, visto anche l’investimento iniziale. Un modello di fascia media va dai 1.100 ai 1.400 euro, mentre per i modelli più curati, sia per tecnologia che design, si arriva anche ai 4/5.000 euro.

Le proposte più interessanti del momento arrivano tutte dal Cosmobike Show di Verona, tenutosi a Veronafiere dall’11 al 14 settembre scorso. Ecco la nostra selezione.

 

Bottecchia

Uno dei nomi più conosciuti nel mondo delle corse, presenta il ritorno di uno storico modello, ovvero la Graziella, che per l’occasione diventa elettrica. Due i modelli, naturalmente pieghevoli, la Genio a 7 velocità e l’Agile Electric con una linea più sportiva, 6 velocità. Completano la linea elettrica BeGreen due Mtb, con Be50 e Be30, con display Lcd e cambio a 8 rapporti e due modelli di citybike in 4 colori.

 

Atala

La storica casa padovana presenta la gamma 2015, estremamente variegata e completa. I modelli più in alto nel listino sono quelli appartenenti alla gamma Whistle, con componenti di alta qualità e motori Bosch. Più avvicinabili invece le Mtb B-Cross S e Sl.

 

Mi.Gi.

Azienda italiana specializzata nella progettazione e realizzazione di bici elettriche. La collezione 2015 include svariati modelli, dalle nuovissime fat bike, alle pieghevoli per la città. Ciò le contraddistingue e la facilità di utilizzo e di manutenzione, in quanto l’azienda fornisce tutta l’assistenza necessaria.

 

Italwin

A Cosmobike Show l’azienda padovana punta su design e sulla collaborazione con altri due grandi marchi, come Ducati e Momo Design. Non passano inosservati quindi i modelli pieghevoli, estremamente curati e con telaio in alluminio. Mentre colpisce la fat bike targata Ducati, che ripropone la Scrambler in versione ebike.

 

Brinke

Qui a Verona l’azienda porta alcune tra le prime ebike con cambio sequenziale, grazie alla collaborazione con Shimano. In pratica a seconda della cadenza di pedalata e della velocità della bici, la centralina segnala al cambio quale marcia usare; al momento della cambiata, la potenza del motore è temporaneamente ridotta per evitare stress del cambio ed aumentarne la durata nel tempo.

 

Benelli

La storica azienda di Pesaro, punta sulla mobilità cittadina, compatta ed elettrica. Alle novità per la gamma city, Adorea, Clelia e Mio, affianca inoltre i nuovi modelli Mtb e Touring, pensanti per chi preferisce la bici durante i “fuori porta”: ecco allora Aceste, Tagete e Alpan TS. Interessanti i modelli pieghevoli, flessibili sia nell’utilizzo che nel trasporto.

 

Ktm

Il nome è già una garanzia per le bici dedicate all’outdoor. A Verona il costruttore austriaco presenta svariati modelli di Mtb, tutti caratterizzati da motorizzazioni ed equipaggiamenti Bosch e unità Shimano steps, puntando su tenuta e solidità.

Articoli correlati