ExxonMobil, i dissidenti entrano nel consiglio d’amministrazione. È la prima volta

Il fondo Engine No.1 è riuscito a far eleggere due suoi membri nel consiglio di amministraione della ExxonMobil. Una risultato storico per l’azionariato critico.

Il fondo di attivisti Engine No.1, che negli ultimi mesi ha criticato spesso la gestione della ExxonMobil sui temi dei cambiamenti climatici, è riuscito a far eleggere due dei suoi quattro candidati nel consiglio d’amministrazione della compagnia petrolifera.

Chi sfida la ExxonMobil

Dopo una lotta durata sei mesi e una campagna costata milioni di dollari, gli investitori Gregory Goff, ex amministratore delegato della società petrolifera americana Andeavor, e Kaisa Hietala, dirigente che ha guidato il passaggio della società energetica finlandese Neste verso i biocarburanti, ora potranno far valere le loro posizioni all’interno della ExxonMobil.

Gli altri due candidati del fondo erano Alexander Karsner, ex funzionario del dipartimento di energia americano e ora senior strategist presso ‘X’ (l’innovation lab di Alphabet, società madre di Google) e Anders Runevad, ex amministratore delegato del produttore danese di turbine eoliche Vestas wind systems.

compagnie petrolifere
Una manifestazione contro la compagnia ExxonMobil © Spencer Platt/Getty

Cos’è l’azionariato critico

Lo strumento messo in campo da Engine No.1 si chiama azionariato critico: una organizzazione non profit o un gruppo di pressione acquista un piccolo pacchetto di azioni di grandi società, per ottenere il diritto di partecipare alle assemblee e sottoporre questioni cruciali in materia di responsabilità sociale e ambientale. Si tratta di uno strumento di pressione interna, mirato a denunciare le attività che stridono con comportamenti etici e sostenibili.

Durante l’ultimo consiglio d’amministrazione della ExxonMobil, in cui si votava il rinnovo dei vertici, la seduta è stata interrotta per oltre un’ora. Una mossa che a molti è apparsa disperata ma che non ha potuto evitare l’inevitabile: il piccolo e giovane fondo d’investimenti Engine No.1 ha ottenuto il sostegno di tre grandi gestori di fondi d’investimento – BlackRock, Vanguard e State Street – che insieme detengono oltre il 20 per cento delle azioni di ExxonMobil.

“Gli investitori si stanno svegliando”, ha detto Anne Simpson, direttrice di un fondo pensioni anch’esso azionista della compagnia, dopo la votazione. Infatti quello di ExxonMobil non è un caso isolato: nella stessa settimana, anche gli investitori di Chevron, altro big del settore oil&gas, hanno chiesto alla compagnia di impegnarsi a ridurre le proprie emissioni climalteranti e un tribunale olandese ha ordinato alla compagnia Shell di ridurre le proprie emissioni del 45 per cento entro il 2030.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati