Fahrenheit 9/11

Michael Moore cerca prova a svelare i perché dell’attentato alle Torri gemelle, le bugie dell’amministrazione Bush i veri motivi della guerra in Afghanistan.

Il regista cataloga, documenta, riporta fatti ed episodi che
mettono in luce come all’origine della guerra in Afghanistan e in
Iraq, prima dell’attentato alle Twin Towers dell’11 settembre, vi
sarebbero stati motivi legati al petrolio; come la famiglia reale
saudita e i Bin Laden avrebbero avuto interessi economici con il
Presidente degli Stati Uniti e come non vi sia stato alcun
tentativo di evitare loro di lasciare il Paese all’indomani
dell’attentato.
Ma la scena più drammatica, carica di fortissima tensione
perché mista di incredulità e ridicolo, è
quella che ritrae George W. Bush, alla notizia dell’attacco alle
Torri Gemelle: intento a leggere un racconto, in una classe
elementare, alla comunicazione del primo attacco e, poco dopo, a
quella del secondo, il Presidente come risposta, avrebbe continuato
a leggere, il volto vuoto, inespressivo. Un volto sul quale Michael
Moore indugia durante tutto il film, mentre ritrae il Presidente
nei tanti momenti in cui va a caccia, a pesca, gioca a golf, un
volto che contrasta con quello disperato di una madre che ha perso
il proprio figlio, con quelli impauriti di molti soldati americani,
con quelli sfigurati dei feriti.

Si esce dalla sala indignati dopo aver visto Fahrenheit 9/11, ma
meglio indignati che all’oscuro.

Laura Vascellari

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,