Le foto del 2019 raccontano un anno di crisi climatica e voglia di diritti

Ripercorriamo gli eventi che hanno scandito il 2019 attraverso le fotografie che lo e ci hanno segnato. Un album da sfogliare per entrare con maggior consapevolezza nel decennio più importante per il nostro futuro.

La fine dell’anno è sempre tempo e momento di bilanci: cos’è andato bene, cos’è andato male. E cosa c’è da migliorare. Ma quando si tratta di raccontare i fatti che scandiscono la complessa vita della Terra non c’è spazio per il giudizio. È proprio questo il compito più difficile, quindi il più importante, per chi questa vita la racconta ogni giorno, attraverso le parole o attraverso le immagini. E mai come oggi è necessario dare il giusto peso, valore e spazio a queste due strumenti di conoscenza che ci aiutano a vedere, così com’è, la realtà.

Gli eventi del 2019 attraverso le fotografie

Parola e immagine si completano, dove una non riesce a spiegare, l’altra centra l’obiettivo. Grazie alle fotografie, infatti, è possibile visualizzare quello che a volte rimane astratto: cosa significa superare i 40 gradi d’estate, cosa comportano anche solo pochi millimetri di innalzamento del livello dei mari, cosa provoca la firma di una nuova legge su un paese o un popolo, la portata di un evento estremo e la profondità di un traguardo nella vita di tutti i giorni.

Per questo sentiamo la necessità e il dovere di riproporre con le immagini ciò che è accaduto nei mesi passati, un po’ come un album dei ricordi, ma che non mostra solo i sorrisi e le feste. Perché il 2019 è stato un anno intenso. Un anno di progresso dei diritti, di vittorie, di consapevolezza. Ma anche un anno di violenza, di disastri ambientali, di record climatici. Ma proprio dalla consapevolezza bisogna partire per aprire un nuovo capitolo, il nuovo decennio che mai come ora sarà più decisivo per il futuro di ogni tassello della vita sul Pianeta.

Articoli correlati
La valle dell’Omo, dove la vita scorre con il fiume

Le tribù della valle dell’Omo in Etiopia vivono a stretto contatto con la natura e il fiume da cui dipendono. Questo reportage esclusivo racconta come la costruzione di una diga, i cambiamenti climatici e un boom turistico stiano mettendo a dura prova la loro capacità di preservare stili di vita ancestrali.