Brasile, la citizen science aiuterà le comunità a difendersi dalle alluvioni

L’università di Warwick ha sviluppato un’app basata sulla combinazione e la condivisione delle informazioni sulle alluvioni, fornite dalle comunità locali, che creerà un importante database.

In Brasile sono abituati a coesistere con la pioggia, molte aree del Paese sono infatti caratterizzate da frequenti precipitazioni. Eppure questa tendenza è in crescita, esacerbata dalla crisi climatica in corso, e le piogge sembrano diventare sempre più violente e pericolose. Alla fine dello scorso gennaio, ad esempio, una forte tempesta si è abbattuta sul sud-est del Brasile, causando inondazioni e smottamenti e uccidendo oltre sessanta persone.

Leggi anche: Brasile, le piogge più violente di sempre provocano almeno 44 morti 

Lo scorso 3 marzo un nubifragio ha riversato oltre trecento millimetri di pioggia in poche ore sugli stati di San Paolo e Rio de Janeiro, le vittime sono almeno trenta e decine i dispersi. Per tentare di ridurre la vulnerabilità delle comunità alle alluvioni, è stata sviluppata un’apposita app, che unisce citizen science, ricordi e tecnologia.

Bambina tratta in salvo dopo un'alluvione a san Paolo, Brasile
Oltre tre milioni di persone vivono in zone ad alto rischio idro-geologico nel sud-est del Brasile © Victor Moriyama/Getty Images

Cittadini contro le alluvioni

L’applicazione mobile è stata creata da un gruppo di ricercatori dell’università britannica di Warwick, guidato da João Porto de Albuquerque, condirettore del Warwick institute for the science of cities (Wisc), nell’ambito del progetto Waterproofing data. L’obiettivo del progetto è favorire la resilienza delle comunità creando una rete eterogenea di cittadini che raccolgono e registrano dati relativi a precipitazioni e inondazioni in diverse regioni.

I dati saranno usati per realizzare un database che sarà utilizzato per supportare e integrare le attuali pratiche di monitoraggio delle alluvioni in diverse regioni in modo efficace e in tempo reale. Il software sarà sia utilizzato per informare la popolazione sulle aree a rischio, che per permettere ai cittadini di misurare le precipitazioni in punti specifici e indicare alle autorità le aree più colpite.

Leggi anche: La distruzione dell’ambiente ci costerà 9mila miliardi di euro in trent’anni, sostiene il Wwf

Ricercatori nelle scuole

I ricercatori che lavorano al progetto, che vede coinvolti scienziati brasiliani, britannici e tedeschi, si recheranno in 81 scuole in Brasile per formare gli studenti, insegnando loro a misurare i livelli di pioggia utilizzando manometri fatti a mano realizzati con bottiglie di plastica, e registrare i dati nell’applicazione. L’app, che consentirà a chiunque di utilizzare e generare dati, sarà resa disponibile nella seconda metà di quest’anno.

 

Più dati, meno rischi

Il ricorso alla cosiddetta citizen science, che prevede la partecipazione di persone comuni a progetti di ricerca, per la raccolta dei dati, consentirà di ottenere un gran numero di informazioni provenienti da diverse regioni, che saranno poi aggregate dai ricercatori e permetteranno di reagire con maggiore prontezza a eventi meteorologici estremi in tutto il Paese.

“La nostra ricerca cerca di trasformare l’esperienza e la conoscenza quotidiana delle persone in un database completo, accurato e aggiornato su come il clima stia influenzando le comunità in tutto il Brasile e che può essere utilizzato per rafforzare il livello locale e nazionale di pianificazione in difesa dalle inondazioni”, ha spiegato João Porto de Albuquerque.

Leggi anche: Il Bangladesh protegge le foreste per non finire sott’acqua

L’importanza della memoria

Un ruolo cruciale viene ricoperto dagli anziani, vera memoria storica di molte comunità. I ricercatori stanno interagendo con le persone anziane facendosi raccontare storie di inondazioni passate, che potrebbero contribuire a prevenire future alluvioni. “Ognuno di noi ha il potere di raccogliere e utilizzare dati che possono salvare vite umane – ha affermato João Porto de Albuquerque – ma tali informazioni sono efficaci solo quando vengono raccolte e condivise nel modo corretto e con le persone giuste”.

Donna cerca di rimuovere l'acqua in eccesso, all'interno della sua casa
Le inondazioni urbane sono una delle maggiori sfide per le città brasiliane contemporanee © Buda Mendes/Getty Images

Potere alle comunità

Il progetto, guidato da una visione olistica, mira anche a favorire, attraverso la diffusione di linee guida e materiali, la cooperazione all’interno delle comunità, aiutando le persone a lavorare insieme per rendersi meno vulnerabili alle minacce sociali e ambientali.

“Stabilire una difesa più solida contro le inondazioni è estremamente importante, altrettanto cruciale per questo progetto è sensibilizzare le persone su come possono riunirsi, ascoltare le esperienze reciproche, condividere informazioni in modo efficace e collaborare per creare comunità più resistenti”.

Articoli correlati
La valle dell’Omo, dove la vita scorre con il fiume

Le tribù della valle dell’Omo in Etiopia vivono a stretto contatto con la natura e il fiume da cui dipendono. Questo reportage esclusivo racconta come la costruzione di una diga, i cambiamenti climatici e un boom turistico stiano mettendo a dura prova la loro capacità di preservare stili di vita ancestrali.