I paesi del G7 non finanzieranno più il carbone

Le sette più grandi economie del mondo, riunite nel G7, hanno concordato sull’adozione di misure che riducano l’uso di fonti fossili e le emissioni di CO2.

Arrivo lo stop a qualsiasi forma di finanziamento diretto alle centrali elettriche a carbone in funzione nei Paesi in via di sviluppo. A pronunciarsi sono stati i ministri dell’ambiente e dell’energia dei paesi del G7, che in una riunione di venerdì 21 maggio, hanno concordato sull’adozione di misure che dovrebbero ridurre l’uso di combustibili fossili e quindi le relative emissioni di CO2 nell’atmosfera. La decisione è di arrestare i finanziamenti alle fonti fossili entro la fine del 2021.

Inquinamento
Un’industria tedesca © Sean Gallup/Getty Images

Le decisioni dei paesi del G7 sui combustibili fossili

Dopo quasi due giorni di discussioni in una riunione ospitata virtualmente dal Regno Unito, i ministri dell’Ambiente e dell’Energia di Regno Unito, Canada, Stati Uniti, Giappone, Francia, Italia e Germania hanno riconfermato il loro impegno a limitare il riscaldamento globale a non superare la soglia di 1,5 gradi e a decarbonizzare completamente il settore energetico entro il 2030. Coinvolgere il Giappone nel porre fine al finanziamento internazionale dei combustibili fossili in un lasso di tempo così breve significa che paesi come la Cina, che ancora sovvenzionano le fonti fossili, stanno diventando sempre più isolati e potrebbero dover affrontare maggiori pressioni per fermarsi.

La combustione di carbone e petrolio, tra le fonti di energia ancora oggi più utilizzate, ha conseguenze estremamente gravi sulla salute. Secondo uno studio delle università di Harvard, Birmingham, Leicester e Londra, nel 2018 circa 8,7 milioni di persone sono morte a causa dell’esposizione all’inquinamento atmosferico dovuto ai combustibili fossili. E, come se non bastasse, oggi ci sono dodici progetti fossili in fase di sviluppo che, se venissero realizzati, causerebbero il rilascio in atmosfera di 175 miliardi di tonnellate di CO2. Un volume sufficiente a esaurire metà del budget di carbonio rimanente per restare al di sotto della soglia di 1,5 gradi. I paesi del G7 hanno poi deciso di “lavorare con altri partner globali per accelerare lo sviluppo di veicoli a emissioni zero” e hanno ribadito il loro impegno per gli obiettivi stabiliti dall’Accordo di Parigi del 2015.

Inquinamento
Inquinamento atmosferico © David McNew/Getty Images

Cosa dice la bozza del testo

L’Agenzia internazionale per l’energia (Iea) ha ammonito gli investitori sulla necessità di non finanziare nuovi progetti di fornitura di petrolio, gas e carbone, se l’obiettivo è quello di raggiungere le zero emissioni globali nette entro la metà del secolo. Un recente aumento dell’uso del carbone, infatti, dopo i blocchi dello scorso anno in tutto il mondo, è in gran parte responsabile di quello che, secondo le previsioni della Iea, sarà il secondo più grande aumento delle emissioni registrato quest’anno.

Intanto, la bozza di testo relativa alla decisione dei ministri recita: “Ci impegniamo a promuovere l’aumento del flusso internazionale di capitali pubblici e privati ​​verso investimenti in linea con l’Accordo di Parigi e lontano dalla produzione di energia per mezzo di CO2, per sostenere la transizione verso l’energia pulita nei paesi in via di sviluppo. In questo contesto, elimineremo gradualmente il sostegno del governo nei confronti dell’energia da combustibili fossili a livello internazionale, tranne in circostanze limitate a discrezione di ciascun paese, in modo coerente con un percorso ambizioso e definito verso la neutralità climatica che mira a non superare la soglia di 1,5 gradi, in linea con gli obiettivi a lungo termine dell’Accordo di Parigi e le migliori disposizioni scientifiche disponibili”. I leader del mondo si impegnano dunque a intraprendere nuovi passi significativi per limitare il riscaldamento globale. Nella speranza che alle parole seguiranno anche i fatti.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati