Giappone. Accordo per impulso ai punti di ricarica

Storico accordo tra le grandi case giapponesi, Toyota, Nissan, Honda e Mitsubishi, per sviluppare una solida ed efficiente rete di ricarica per le auto elettriche, puntando a diventare uno dei Paesi con la maggior concentrazione di e-cars al mondo.

Si tratta di un accordo tra le quattro grandi case nipponiche e il governo, il quale parteciperà all’installazione di 20 mila punti di ricarica per auto eletttriche ed ibride plug-in, grazie ad un investimento da 770 milioni.

Toyota, Nissan, Honda e Mitsubishi parteciperanno così alla creazione di circa 8 mila punti di ricarica, affiancati a 4 mila punti di ricarica rapida. Si potrà ricaricare le elettriche nei centri commerciali, nelle aree di servizio, al supermercato, nei negozi, nei distributori. Una rete capillare e ben distribuita.

La nota positiva è proprio la sinergia dimostrata dalle quattro case. A dimostrare la necessità di una standardizzazione nella distribuzione e nei sistemi di ricarica. Un po’ come accade oggi per benzina o diesel. In assenza dei quali non ci potrà essere una reale diffusione delle e-cars, costi di acquisto a parte.

Ad oggi il Giappone è al secondo posto per numero di vendite di veicoli elettrici, mentre al terzo posto per stazioni di ricarica, dopo Cina e Stati Uniti.
L’obiettivo dichiarato dal governo, da raggiungere entro il 2020, sarà quello di conquistare un quinto del parco auto circolante, ovvero il 20% delle auto dovrà essere plug-in o elettrico.

Articoli correlati
18 settembre: speciale Jimi Hendrix

Il 18 settembre 1970 moriva a Londra Jimi Hendrix. 40 anni dopo LifeGate Radio dedica una intera giornata al talento artistico e al “mancino” di Seattle…

L’omeopatia si racconta

Omeopatia e medicina tradizionale a confronto, studi e ricerche dimostrano che é un trattamento efficace contro molte malattie, dibattito aperto

La CO2 va tagliata adesso

Un nuovo rapporto ci impone di tagliare le emissioni di CO2 del 5 per cento all’anno fino al 2050 per riuscire a contenere il riscaldamento globale entro i 2 gradi centigradi.

Caccia, la testimonianza di una guardia volontaria

Le guardie volontarie fanno parte di associazioni ambientaliste, quindi sono al di fuori di interessi venatori. Per loro conta unicamente di far applicare le leggi per la protezione della fauna e flora. Qui la testimonianza della guardia Kicca Nera.

Educazione al futuro della Terra

Stand, tavole rotonde, spettacoli teatrali, forum delle regioni. Si è svolto a Torino il Congresso Mondiale dell’Educazione Ambientale per promuovere l’educazione sostenibile.