Good Country Index, la classifica dei migliori paesi al mondo

L’indice analizza come i paesi contribuiscono al “bene comune dell’umanità”, misurando benessere, uguaglianza, riduzione della CO2. Prima la Svezia, Italia 16ma.

È la Svezia la “goodest” – termine che non esiste in inglese, ma che sta a significare più o meno “migliore” – nazione tra le 163 prese in considerazione dal Good Country Index. L’indice analizza quali siano gli impatti delle varie nazioni sul pianeta e come questi contribuiscano, in maniera più o meno spiccata, al “bene comune dell’umanità”.

 

good country index
E’ la Svezia il paese in cima la classifica del Good Country Index. Foto via Chris Jackson / Getty

 

“Il Good Country Index non misura ciò che i paesi fare a casa loro. Non perché pensiamo che queste cose non siano importanti, certo, ma perché esistono già un sacco di sondaggi che misurano questi indici”, spiega Simon Anholt, l’ideatore dell’indagine.

 

La classifica mette in relazione alcuni dei dati estrapolati dall’Indice di sviluppo umano dell’Onu, combinandoli con altri come il contributo in scienza e tecnologia, calcolando ad esempio quanti studenti stranieri ospita il paese o il numero di pubblicazioni scientifiche. Ma tiene conto anche delle truppe impiegate in azioni di pace, o delle armi esportate. Oltre al contributo al protezione dell’ambiente e allo sviluppo sostenibile, alla protezione delle foreste e alla riduzione delle emissioni di CO2.

I migliori e i peggiori nel Good Country Index

Risulta così che la Svezia è in cima alla classifica, con Danimarca e Paesi Bassi in seconda e terza posizione. L’Italia è fuori dalle prime dieci (16ma), ma viene prima di paesi come Australia, Giappone, Stati Uniti. Nelle ultime posizioni si trovano paesi come la Libia (163ma), Guinea Equatoriale (162ma) e la Repubblica Centrafricana (161ma).

 

good country index
L’Islanda è prima per la lotta ai cambiamenti climatici. Foto via ullstein bild / Getty

Se guardiamo la classifica dal punto di vista della protezione del clima e della riduzione delle emissioni di CO2, l’Italia è in quinta posizione. Prima l’Islanda.

 

“L’indice ha lo scopo di avviare una discussione globale su come i paesi bilancino il loro dovere nei confronti dei propri cittadini con la loro responsabilità col resto del mondo, perché questo è essenziale per il futuro dell’umanità e la salute del nostro pianeta”, spiega Anholt. “Ci auguriamo che guardando questi risultati si venga incoraggiati a partecipare a tale discussione”.

Articoli correlati
La valle dell’Omo, dove la vita scorre con il fiume

Le tribù della valle dell’Omo in Etiopia vivono a stretto contatto con la natura e il fiume da cui dipendono. Questo reportage esclusivo racconta come la costruzione di una diga, i cambiamenti climatici e un boom turistico stiano mettendo a dura prova la loro capacità di preservare stili di vita ancestrali.