Il 20 febbraio è la Giornata mondiale della giustizia sociale

L’edizione del 2020 è incentrata sulla necessità di colmare il divario delle disuguaglianze per raggiungere la giustizia sociale.

Le diseguaglianze aumentano sempre di più e creano distanze che sembrano incolmabili tra gli uomini che, almeno in teoria, dovrebbero nascere liberi ed essere uguali in dignità e in diritti e la parola “giustizia” sembra troppo spesso assumere un significato astratto. La crescita del divario è confermata da uno studio del gruppo di ong Oxfam, secondo il quale quasi la metà di tutta la ricchezza generata nel mondo è nelle mani dell’un per cento della popolazione.

Perché si festeggia la Giornata mondiale della giustizia sociale

Il 20 febbraio si celebra Giornata mondiale della giustizia sociale, istituita dalle Nazioni Unite nel 2007. L’Onu invita gli stati membri ad aderire e a dedicare la giornata alla promozione di attività volte allo sviluppo sociale. Sosteniamo i principi della giustizia sociale quando promuoviamo l’uguaglianza di genere e dei diritti delle popolazioni indigene e dei migranti e quando eliminiamo le barriere che le persone devono affrontare a causa del sesso, età, etnia, religione, cultura o disabilità.

Giornata mondiale della giustizia sociale
La giustizia sociale è un principio fondamentale per la convivenza pacifica tra le nazioni e all’interno di esse.

Il perseguimento della giustizia sociale per tutti è uno degli obiettivi principali delle Nazioni Unite. Un esempio concreto è l’adozione da parte dell’Organizzazione internazionale del lavoro della Dichiarazione sulla giustizia sociale per una globalizzazione giusta. La Dichiarazione si concentra sulla necessità di garantire risultati equi per tutti attraverso l’occupazione, la protezione sociale, il dialogo sociale, e il rispetto dei principi fondamentali e dei diritti sul posto di lavoro.

La Giornata mondiale della giustizia sociale 2020

Lo slogan della giornata per il 2020 è “Colmare il divario delle disuguaglianze per raggiungere la giustizia sociale“. Tra le diseguaglianze da combattere ci sono, ad esempio, le persistenti disparità di genere nel mondo del lavoro.

Edizione del 2019

L’edizione del 2019 evidenziava la necessità di creare posti di lavoro per ridurre le ingiustizie. La International labour organization (Ilo) stima che circa due miliardi di persone vivano in situazioni precarie e conflittuali, di cui oltre 400 milioni hanno un’età compresa tra i 15 e i 29 anni. La creazione di posti di lavoro è determinante per contribuire a rendere le società più coese ed eque, prevenendo così i conflitti. “Il lavoro dignitoso è la chiave per raggiungere uno sviluppo sostenibile e la giustizia sociale – ha affermato il direttore generale dell’Ilo, Guy Ryder – a sua volta un fondamento di pace duratura”.

Giornata mondiale della giustizia sociale 2015
Il 4,4 per cento della forza lavoro è composta da migranti. A livello globale, questi ultimi partecipano nel mercato del lavoro più di quanto lo facciano i non migranti (i livelli di partecipazione sono rispettivamente del 73 e 64 per cento). © Sean Gallup/Getty Images

Edizione 2018

Giornata mondiale della giustizia sociale 2015
“Il divario tra i più poveri e più ricchi in tutto il mondo è vasto e in costante crescita. Dobbiamo fare di più per responsabilizzare gli individui attraverso un lavoro dignitoso, sostenere le persone attraverso la protezione sociale e garantire che le voci dei poveri e degli emarginati siano ascoltate”, ha dichiarato il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon.

Il tema dell’edizione 2018 era dedicato ad un altro tema molto attuale, riassunto nello slogan: “Lavoratori che si spostano: alla ricerca della giustizia sociale”. Non per niente al giorno d’oggi la maggior parte dei movimenti migratori sono legati direttamente o indirettamente alla ricerca di opportunità lavorative. Anche se questo non è necessariamente il motivo principale che spinge le persone a spostarsi, rimane un aspetto importante in qualsiasi processo migratorio.

Articoli correlati