Il lato oscuro del pomodoro italiano

Emigrare per andare a raccogliere all’estero quegli stessi prodotti agricoli che si raccoglievano nel paese di origine, contribuendo ad ammazzare l’economia locale. È la realtà raccontata dal documentario Il lato oscuro dei pomodori italiani (The dark side of the Italian tomato) di Stefano Liberti e Mathilde Auvillain.   Il reportage, realizzato in quattro lingue (italiano, spagnolo,

Emigrare per andare a raccogliere all’estero quegli stessi prodotti agricoli che si raccoglievano nel paese di origine, contribuendo ad ammazzare l’economia locale. È la realtà raccontata dal documentario Il lato oscuro dei pomodori italiani (The dark side of the Italian tomato) di Stefano Liberti e Mathilde Auvillain.

 

Il reportage, realizzato in quattro lingue (italiano, spagnolo, francese e inglese, queste ultime parlate in Africa), svela il legame tra il dumping e l’emigrazione verso l’Europa da un paese africano. Che cosa significa? Che oggi il mercato locale di pomodori freschi prodotti in Ghana è soffocato dai pomodori italiani e cinesi.

 

Ogni anno, il Ghana importa circa 50mila tonnellate di pomodoro concentrato. Un mercato ricco, che l’Italia, monopolista fino a circa dieci anni fa, si contende con la Cina. Quegli stessi pomodori che gli immigrati ghanesi raccolgono in Puglia sono trasformati in Italia e destinati a essere esportati in Africa. Paradossalmente, raccolgono quegli stessi prodotti che spingeranno altre persone come loro fuori dai campi.

 

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,