Il ruggito felice delle tigri siberiane, la popolazione è in crescita

Secondo l’ultimo censimento effettuato in Russia la popolazione di tigre dell’Amur, il felino più grande del mondo, è in aumento.

I grandi felini sono tra gli animali più carismatici del pianeta, impossibile non provare rispetto per la loro eterea eleganza. Purtroppo la maggior parte delle specie è in pericolo, minacciata dal bracconaggio, dalla perdita di habitat e dalla competizione con gli umani per le prede.

Tigre siberiana con cucciolo
Un tempo la tigre siberiana si ritrovava in tutto il vaso territorio della Siberia, anche nelle zone più impervie, oggi il suo areale si è drasticamente ridotto (Photo credit should read OLI SCARFF/AFP/Getty Images)

La popolazione di tigri siberiane è tornata a crescere

Dalla Russia però è arrivata una buona notizia, la popolazione di tigre dell’Amur (Panthera tigris altaica), più spesso conosciuta come tigre siberiana, è in crescita. Il monitoraggio effettuato lo scorso mese dal ministero dell’Ambiente russo, in collaborazione con l’Amur Tiger Center e il Wwf, ha registrato un incremento degli esemplari. Secondo il censimento del 2005 in Siberia vivevano circa 423-502 tigri, mentre oggi gli animali sarebbero 480-540, tra cui circa 100 cuccioli. “Questo successo è dovuto all’impegno delle autorità governative e alla dedizione instancabile di ranger e ambientalisti, abituati a lavorare in condizioni molto difficili”, ha dichiarato Igor Chestin, a capo del Wwf russo.

In Estremo Oriente si trova il 95% della popolazione

La Russia è un’area cruciale per la salvaguardia di questi felini, tra i più rari e i più grandi del mondo, nell’Estremo Oriente del Paese vive infatti circa il 95 per cento della popolazione mondiale di questa sottospecie di tigre. Nonostante la specie sia ancora a rischio e la strada per salvare questi magnifici animali sia ancora lunga, il traguardo raggiunto è straordinario, basti pensare che nel 1930 la tigre dell’Amur era sul baratro dell’estinzione, si contavano in natura solo 20-30 esemplari.

tigre dell'amur con cucciolo
L’areale della tigre siberiana, che comprendeva un tempo l’intera Siberia, si è oggi ristretto considerevolmente a causa della scomparsa delle foreste

Deforestazione e poche prede, i pericoli della tigre siberiana

La deforestazione e il declino delle prede sono pericoli attuali, ma la più grande minaccia rimane la caccia di frodo, parti del corpo vengono infatti vendute a caro prezzo sul mercato nero per essere impiegate nella medicina tradizionale cinese. Oltre alla crescita della popolazione russa buone notizie arrivano anche dalla Cina. All’inizio del 2015 una fototrappola del Wwf ha ripreso una femmina di tigre dell’Amur con due cuccioli in un’area al confine tra Cina e Russia, dimostrando che questi grandi felini sono in fase di espansione anche nella Cina interna.

 

La Cina sta valutando la possibilità di rimuovere il filo spinato e le barriere del valico di frontiera di Primorsky Krai, lungo il confine russo-cinese, per consentire sia alle tigri sia ai leopardi dell’Amur un facile attraversamento. “In natura non ci sono confini e gli animali non hanno il passaporto, non possiamo decidere gli spostamenti delle tigri, possiamo però agevolarli”, ha detto Sergei Aramilev, direttore dell’Amur Tiger Center.

Articoli correlati