In Kenya, le donne imparano il karate per difendersi dalle aggressioni sessuali

Nella periferia di Nairobi, in Kenya, le donne scelgono il karate per difendersi dalle aggressioni a sfondo sessuale. Anche a 85 anni.

Nella bidonville di Korogocho, nelle immediate vicinanze di Nairobi, la capitale del Kenya, si tengono corsi di karate. Ma non come tutti gli altri: a partecipare sono unicamente donne, e in maggioranza non giovani. Il loro obiettivo è di imparare le tecniche della disciplina per potersi difendere dalle aggressioni a sfondo sessuale, che nella metropoli africana costituiscono ormai un problema dilagante.

Gli slum di Nairobi, tra i più pericolosi al mondo

Secondo un sondaggio realizzato tra gli abitanti della città – il Kenya Demographic and Health Survey – ben il 14 per cento delle donne di età compresa tra 15 e 49 anni ha già subito almeno un’aggressione sessuale. E le signore più anziane non sono affatto risparmiate: al contrario, ormai sono proprio loro quelle maggiormente minacciate. Non soltanto perché meno in grado di difendersi, ma anche perché si ritiene che le ragazze più giovani abbiano più possibilità di avere rapporti sessuali, e dunque di aver contratto l’Aids. Gli stupratori di Nairobi preferiscono quindi donne di una certa età, per minimizzare i rischi di contagio.

 

Nairobi Kenya Donne
Una manifestazione per la sicurezza delle donne a Nairobi, in Kenya ©Magdalene Mukami/Anadolu Agency/Getty Images

 

Il karate, ma anche il controllo della situazione

Di qui la scelta di sfruttare le arti marziali per mettere in fuga gli eventuali aggressori. La notizia ha cominciato a circolare in città, e oggi le “Karate Grannies” – come sono state soprannominate, sono piuttosto conosciute. La più anziana tra di loro ha 85 anni. E c’è già chi, come nel caso di Jane (55 anni) racconta di essere stata in grado di respingere un aggressore.

 

Nairobi Kenya
Le bidonville di Nairobi è una delle più pericolose al mondo ©Recep Canik/Anadolu Agency/Getty Images

Sheila Kariuki, una delle docenti della scuola di karate (che ormai è operativa da anni), ha raccontato: “Alle mie allieve non insegno unicamente le tecniche di combattimento. Insegno loro anche a gridare, che non significa affatto semplicemente urlare. Quando gridiamo, manteniamo il controllo della situazione. Rimaniamo calme”. Un metodo utile anche per prendere alla sprovvista, per guadagnare tempo, per attirare l’attenzione su cosa sta accadendo.

 

 

Articoli correlati
5 anni di guerra in Siria

Sono già passati cinque anni dall’inizio della guerra in Siria, il 15 marzo 2011. Cinque anni che ne hanno fatto il conflitto più mortale e complesso della nostra era.

Da giorni le fiamme stanno divorando le sequoie della California. Il 9 settembre un fulmine ha colpito uno degli alberi del Sequoia national park, un Da giorni le fiamme stanno divorando le sequoie della California. In due settimane di incendio sono già andati in fumo oltre 100 chilometri quadrati di foresta.