Il Kurdistan e la liberazione delle donne in fuga dallo Stato Islamico

La liberazione nel 2015 si festeggia così, a bordo di un pick up che sfreccia nelle gialle campagne curde. Le foto e i video delle donne che si tolgono gli abiti tradizionali neri per sfoggiare vestiti colorati, in fuga dalle regioni della Siria controllate dallo Stato islamico, sono l’ultimo simbolo di una lotta di resistenza

La liberazione nel 2015 si festeggia così, a bordo di un pick up che sfreccia nelle gialle campagne curde. Le foto e i video delle donne che si tolgono gli abiti tradizionali neri per sfoggiare vestiti colorati, in fuga dalle regioni della Siria controllate dallo Stato islamico, sono l’ultimo simbolo di una lotta di resistenza che dura da anni.

Queste immagini, scattate da Servan Derwish, sono state pubblicate il 6 giugno dal fotografo Jack Shahine sui suoi profili social e mostrano donne festanti, finalmente sorridenti, in fuga verso il Rojava, la regione autonoma del Kurdistan occidentale, in Siria. Fuggono dai fanatici dello Stato Islamico e dalla guerra civile siriana.

 

“Una volta arrivate nel territorio controllato dai curdi, queste donne hanno gettato il burqa e riscoperto la gioia di essere nuovamente libere”, ha dichiarato Shahine all’Huffington Post France.

 

https://www.youtube.com/watch?v=oKFD8NAfaI8

Nel Kurdistan e nei curdi, le donne e le persone che scappano dalla violenza trovano rifugio e cercano pace. Riconoscono in questa terra libera l’ultimo baluardo di lotta per la civiltà dopo essere state abbandonate dalla comunità internazionale, poco interessata a entrare in un conflitto decisamente asimmetrico e ingovernabile.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,