Cosmesi naturale

La riscoperta del bagno con sale: tutto sui sali rilassanti e profumati con ricetta

Utilizzati puri o con l’aggiunta di oli essenziali, i sali da bagno sprigionano le loro numerose virtù. Ecco qualche idea per sfruttare al meglio i loro benefici.

Già nell’antichità, diversi popoli, tra cui i Cinesi, i Greci e i Romani, utilizzavano i sali da bagno per l’igiene quotidiana, ma anche per rilassare il corpo, per curare le malattie della pelle e per attenuare i dolori muscolari. Questi e altri benefici sono stati tramandati di generazione in generazione, tanto che un po’ in tutto il mondo vengono utilizzati per migliorare il proprio benessere. Essendo inoltre antibatterici, decongestionanti e purificanti, possono essere impiegati in qualsiasi stagione, sebbene l’inverno sia il periodo ideale, poiché le docce possono essere sostituite con un bel bagno caldo, a cui si aggiunge una manciata di sali. In alternativa, una pratica rigenerante che non prevede un eccessivo consumo d’acqua è il pediluvio. In entrambi i casi, possiamo scegliere diverse tipologie di sali. Vediamoli insieme.

Bagno rilassante con l'aggiunta di sali marini
I sali da bagno sono adatti per rilassare mente e corpo © http://yoganonymous.com/

Il sale marino integrale

I più diffusi e i meno costosi sono quelli a base di sale marino: tra questi vi sono il fiore di sale, adatto a usi culinari, e il sale marino integrale. Quest’ultimo non subisce il processo di raffinazione ed è ricco di preziosi oligoelementi, fra cui iodio, fluoro, calcio, magnesio e potassio. Essendo integrale non contiene additivi e si presenta leggermente umido, con un colore che può tendere al grigio, segno che non ha subìto procedimenti industriali. In inverno, aggiunto all’acqua di un bagno caldo sprigiona le sue proprietà: aiuta ad attenuare le tensioni muscolari, allevia le irritazioni cutanee e agisce anche sull’umore, agevolando l’eliminazione di stress e ansie. Unendo qualche goccia di olio essenziale di lavanda l’effetto rilassante s’intensifica.

Il sale del Mar Morto

Ormai da svariato tempo anche il sale del Mar Morto è ben noto per la sua azione benefica per la pelle. È estratto da acque con una elevata salinità, dovuta alle caratteristiche climatiche e geologiche della regione dove viene prodotto, tra Israele e Giordania: un luogo in cui la temperatura media annuale è di circa 32°. Il sale del Mar Morto, ricco di magnesio e potassio, facilita l’idratazione, agisce contro l’acne e la psoriasi, calma le pelli infiammate e normalizza il pH cutaneo.

Il sale rosa dell'Himalaya è ricco di oligoelementi
il sale rosa dell’Himalaya è ricco di oligoelementi © www.eklablog.com/

Il sale rosa dell’Himalaya

Molto apprezzato nella medicina ayurvedica è il sale rosa dell’Himalaya, la cui particolare colorazione è dovuta alla presenza di ferro. La sua storia risale a oltre 200 milioni di anni fa, epoca in cui si è formato. È infatti un sale denominato fossile, ricco di oligoelementi: se ne contano 84, tra cui calcio, potassio, magnesio, ossido di zolfo, manganese, fluoro, iodio, zinco e rame. Non subisce processi di raffinazione ed è puro: tutte le sue qualità vengono mantenute intatte. Oltre a essere perfetto per bagni purificanti e pediluvi rilassanti, il sale rosa dell’Himalaya è ideale per rimuovere le tossine e le vecchie cellule epidermiche. Ecco una ricetta esfoliante semplice e facile da preparare.

Ingredienti: due cucchiai di sale rosa dell’Himalaya; due cucchiai di olio di mandorle dolci; 3-4 gocce di olio essenziale di limone, che ha proprietà antisettiche, stimolanti e svolge anche un’azione disinfettante. Si uniscono gli elementi e una volta formato un composto morbido, lo si friziona in modo circolare sulle zone del corpo più difficili, partendo dai piedi; poi si sciacqua il tutto con acqua tiepida o sotto la doccia.

Sali da bagno marini per varie ricette di bellezza
I sali da bagno sono adatti anche per preparare esfolianti per il corpo

I sali di Epsom

I sali di Epsom sono utilizzati sin dal XVII secolo, dopo che vennero scoperti da Henri Wicker analizzando la sorgente minerale che dà loro il nome e che si trova nell’omonima cittadina inglese. Ricchi di solfato di magnesio, questi sali sono ottimi per pediluvi, per bagni purificanti e per varie ricette cosmetiche, come per la preparazione di detergenti per il viso. È sufficiente unire a una crema naturale neutra (o un’altra, a preferenza) un cucchiaino di sali di Epsom; si mescola bene il tutto e si stende il detergente in modo delicato e circolare sulla pelle; poi si rimuove con acqua tiepida.

Il sale è un prodotto versatile e benefico per il nostro corpo. Abbiamo qui fornito solo alcune idee per sceglierlo e utilizzarlo, ma il suo uso in cosmesi è davvero ampio. Può essere personalizzato a piacere aggiungendovi erbe o fiori, come i petali di rosa o i fiori di lavanda, per bagni o pediluvi profumati.

Articoli correlati
Ciglia più forti e belle con metodi naturali

Le vogliamo folte, lunghe e ben incurvate. Tant’è che spesso anche i mascara più tecnologici non riescono a soddisfarci totalmente. Possiamo però rinforzare le nostre ciglia e aiutarle a crescere meglio: vediamo insieme come

Depilazione: metodi naturali ed efficaci

I peli superflui, per le donne, sono un problema più grande rispetto alla cellulite. Eppure i modi per liberarsene sono molti. Pochi però sanno che ci sono anche metodi naturali, che in più funzionano molto bene: ecco i più efficaci