Le città dove il costo della vita è più alto

Singapore è la città più costosa al mondo dove vivere nel 2014 secondo l’Economist Intelligence Unit (Eiu). Lo strumento utilizzato per stilare la classifica ha preso in considerazione 131 metropoli di tutto il mondo usando come riferimento i prezzi di oltre 400 prodotti venduti a New York.   La città stato del sudest asiatico conta

Singapore è la città più costosa al mondo dove vivere nel 2014 secondo l’Economist Intelligence Unit (Eiu). Lo strumento utilizzato per stilare la classifica ha preso in considerazione 131 metropoli di tutto il mondo usando come riferimento i prezzi di oltre 400 prodotti venduti a New York.

 

La città stato del sudest asiatico conta oltre 5 milioni di abitanti e ha raggiuto la vetta partendo dalla sesta posizione del 2013, quando la città più costosa era Tokyo, capitale del Giappone.

 

Una valuta forte (dollaro di Singapore), l’alto costo del settore dell’abbigliamento, quello di manutenzione di un’automobile e una serie di aumenti delle bollette hanno spinto Singapore a diventare la città più costosa al mondo. Queste le prime sei più costose:

 

  1. Singapore, Singapore
  2. Parigi, Francia
  3. Olso, Norvegia
  4. Zurigo, Svizzera
  5. Sydney, Australia
  6. Tokyo, Giappone

 

La capitale giapponese è in sesta posizione ma rimane in testa per quanto riguarda il costo dei prodotti alimentari. L’Asia si conferma il continente degli estremi e delle diseguaglianze, con città che si piazzano sia nelle prime dieci posizioni che nelle ultime, come le indiane Mumbai e Nuova Delhi che non riescono a garantire a tutti i loro cittadini una qualità di vita degna. Fuori dall’Asia, la città messa peggio è Damasco che ha conosciuto il crollo maggiore a causa del conflitto civile in corso da tre anni in Siria.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,