Lubiana è bike friendly: come imparare in poco tempo

La città di Lubiana ha migliorato la ciclabilità delle proprie strade in pochissimo tempo. Anche per questo è la Capitale verde europea 2016.

Non sempre bisogna inventarsi nuove soluzioni per migliorare la ciclabilità di una città. A volte basta semplicemente studiare bene cosa realizzano gli altri. E copiare. Si risparmia tempo e anche denaro, vedendo i risultati delle soluzioni già collaudate. Così Lubiana, capitale della Slovenia, ha deciso di guardare ad alcune esperienze europee per trasformarsi in pochi anni in una capitale bike friendly. Un’azione che ha contribuito alla sua nomina a Capitale verde europea del 2016 nonostante la concorrenza tedesca (Essen), olandese (Nijmegen), norvegese (Oslo) e svedese (Umeà).

lubiana, biciclette
Lubiana © Wikimedia Commons

Lubiana è amica della bicicletta

Lubiana aveva una tradizione legata al trasporto in bicicletta, via via persa con la fine della Yugoslavia e con l’indipendenza della Slovenia. L’automobile ha preso il sopravvento, passando da un 42 per cento di utilizzo rispetto agli altri mezzi di spostamento al 67 per cento, consumando spazio per strade, box e parcheggi a danno della mobilità dolce. Tra i provvedimenti principali abbiamo:

  • un piano di sensibilizzazione, con priorità alle questioni legate alla mobilità ciclabile nei quartieri  ascoltando gli abitanti;
  • incroci con spazi prioritari per le bici;
  • attraversamenti ciclabili ben segnalati e delimitati;
  • piste ciclabili con sede propria;
  • strade chiuse al traffico;
  • semafori che diventino verdi per le biciclette tre secondi prima rispetto al traffico veicolare.

A queste azioni si unisce un piano per la mobilità che prevede di riequilibrare entro il 2020 gli spostamenti: per un terzo in bici o a piedi, un terzo con i mezzi pubblici e un terzo in automobile. Il bike sharing introdotto nel 2011 è parte di questa strategia a medio termine. Entro il 2015 invece l’ambizioso obiettivo è di aumentare del 40 per cento gli spostamenti casa-lavoro e del 50 quelli casa-scuola, un modo per abituare i bambini ad usare la bici non solo al parco la domenica ma come un mezzo di trasporto a tutti gli effetti.

Articoli correlati