MED in Italy in gara per la migliore casa ecologica

18 prototipi provenienti da 11 nazioni concorrono alla Solar Decathlon Europe di Madrid. In gara anche l’Italia con la sua proposta di casa ecosostenibile.

Al via il contest internazionale della bioarchitettura che si terrà a Madrid a settembre. Il Solar Decathlon Europe 2012, ideato dal dipartimento dell’energia americano per stabilire ogni anno quale sia il progetto di casa più efficiente, vedrà in competizione altri 18 prototipi prevenienti da 11 Paesi (Brasile, Cina, Danimarca, Egitto, Francia, Germania, Giappone, Portogallo, Romania, Spagna e Ungheria).

Alla gara parteciperà anche il nostro Paese con MED in Italy, una casa che si costruisce in sette giorni, utilizza il sole per produrre energia e si protegge in maniera passiva dal caldo estivo attraverso isolanti naturali fatti di fibre di legno che riempiono uno strato della parete esterna.

MED in italy casa italiana
Il grande team che ha lavorato sul progetto di MED in Italy

Realizzata da una squadra composta da professori e studenti dell’Università di Roma TRE, in partnership con il Laboratorio di disegno industriale della Sapienza, il Casaclima Master Reaserch Team della Libera Università di Bolzano e Fraunhofer Italia, la casa ecologica MED in Italy si costruisce in sette giorni ed è realizzata per essere trasportata facilmente, leggera e smontabile.

Com’è fatta la casa ecologica?

La cucina è il cuore dell’abitazione, circondata da un patio di canapa naturale dove sarà possibile coltivare piante ed essenze da utilizzare in cucina. La luce viene catturata da lunghe finestre e le stanze sono suddivise da pannelli scorrevoli.

Certo non può mancare un giardino, studiato per funzionare da bio-indicatore: le specie scelte saranno sensibili alle temperature e agli agenti inquinanti. Cambiando colore e aspetto comunicheranno la qualità dell’aria.

L’impianto fotovoltaico produce tre volte l’energia necessaria da far funzionare tutti gli elettrodomestici, incoraggiandone quindi l’uso durante il giorno, periodo di maggiore insolazione. L’illuminazione è a LED: la luce esterna durante le ore notturne è assicurata da sistemi autoricaricanti in grado di accumulare energia durante il giorno e rilasciarla di notte.

MED in Italy conquista il podio

Tra i vari indicatori valutati durante il contest è stato preso in esame anche il mezzo di trasporto scelto. Per questo MED in Italy ha utilizzato il treno messo a disposizione da Trenitalia. Grazie al trasporto su rotaia si è potuto risparmiare il 28% di energia rispetto alla gomma (pari al fabbisogno mensile di circa 50 famiglie italiane) e il 46% di emissioni di CO2 (pari all’assorbimento di oltre 400 alberi in un anno).

Innovazione, sostenibilità e risparmio energetico a 360 gradi sono stati i principi che hanno permesso alla MED in Italy di aggiudicarsi il terzo posto, sorpassando la Germania. Un grande traguardo questo, anche per il nostro Paese.

Immagine di copertina: la casa italiana MED in Italy  vista dall’esterno. ©www.latuacasainlegno.com

Articoli correlati