Perché i pannelli solari alla Casa Bianca non sono solo uno spot

Ci aveva già provato Jimmy Carter negli anni Settanta. Aveva infatti installato un piccolo impianto fotovoltaico su di un’ala della Casa Bianca, ma Ronald Reagan li aveva fatti togliere nel 1986.   Ora ci riprova Barack Obama, anche se l’annuncio ufficiale è del 2010. Il progetto dell’impianto si impatanò, fino alla messa in funzione di

Ci aveva già provato Jimmy Carter negli anni Settanta. Aveva infatti installato un piccolo impianto fotovoltaico su di un’ala della Casa Bianca, ma Ronald Reagan li aveva fatti togliere nel 1986.

 

Ora ci riprova Barack Obama, anche se l’annuncio ufficiale è del 2010. Il progetto dell’impianto si impatanò, fino alla messa in funzione di qualche giorno fa. Non si conoscono le aziende coinvolte, ma come dichiarato da James Doherty, dello staff del presidente: “Le dimensioni dell’impianto sono quelle tipiche di una casa americana”.

 

Un’operazione simbolica quella del presidente degli Stati Uniti, che vuole essere più un esempio per i cittadini americani. L’impianto infatti rientra in un progetto più ampio di riqualificazione energetica della Casa Bianca. Ma non è tutto.

 

 

Durante una visita in California in una delle tanti sedi di Walmart, Obama ha ufficializzato alcune mosse volte all’efficienza energetica degli stati federali. Come riporta il Washington Post “Walmart raddoppierà il numero di impianti fotovoltaici nei negozi e nelle sedi logistiche entro il 2020”, mentre “il dipartimento dell’Energia lavorerà per dare nuove regole di efficienza energetica per quanto riguarda i motori elettrici, delle celle frigorifere e dei frigoriferi e lancerà un programma di formazione nei college di tutto il Paese per formare 50mila lavoratori nel settore dell’energia solare entro il 2020”.

 

Sempre nel campo dell’efficienza energetica, Obama ha annunciato un investimento di 2 miliardi di dollari per la riqualificazione energetica degli edifici pubblici entro il 2016 e ha dichiarato di voler approvare delle classi energetiche degli edifici che siano più efficienti del 8,5 per cento. Le prossime politiche prevedono 850 megawatt di nuova energia solare e più di 90 milioni di metri quadrati di edifici pubblici riqualificati.

Articoli correlati