Sam Naef presenta Climate app il social network per contrastare i cambiamenti climatici

The Climate App potrebbe diventare il prossimo social network dedicato ai cambiamenti climatici. Sam Naef: “I social media strumento per diffondere consapevolezza”.

Ha raggiunto il primo obiettivo delle 25mila sterline, il crowdfunding lanciato sulla piattaforma Indiegogo per lo sviluppo de The Climate App, l’applicazione ideata dallo studente Nasa Sam Naef e pensata per creare una community consapevole e attenta alla riduzione della propria impronta ecologica. L’app, progettata per mostrare agli utenti quali azioni possono intraprendere per ridurre le proprie emissioni di CO2, aiuta a tenere traccia e a monitorare i progressi personali, nonché ad ispirare gli utilizzatori verso nuovi comportamenti “green”.

Perché lanciare The Climate App come un social media

Il team, giovanissimo, è composto da imprenditori, scienziati, sviluppatori, designer e professionisti del marketing, alcuni di loro già coinvolti nel movimento Extintion Rebellion. Alcuni di loro collaborano con la NASA, Microsoft, Sky e Airbus. Lo stesso Naef viene già da un’esperienza simile, avendo lanciato da poco il progetto 8Billionminds, una piattaforma gratuita di apprendimento dal vivo. L’idea alla base dell’app è la stessa che funziona con i social network che usiamo quotidianamente, ovvero creare un feed che sia capace di “attirare l’attenzione delle persone”, spiega a LifeGate Sam Naef. “In modo da creare una rete di persone che ne possano coinvolgere altre. Pensiamo che The Climate App sarà il miglior ‘posto dove andare’ incentrato sul clima, e in particolare sulle azioni da compiere. Diciamo il prossimo Instagram, ma climatico”.

L’applicazione proporrà varie “sfide” agli utilizzatori, come monitorare quanta carne viene consumata, o consigli su come passare all’energia verde, ridurre i voli, migliorare la raccolta e il riciclo dei rifiuti. L’app sarà totalmente gratuita e, come spiegano gli sviluppatori, potrà essere integrata con tutte le altre piattaforme più famose, così da poter condividere obiettivi e messaggi.

The Climate App in versione Beta
The Climate App è in versione Beta © The Climate App

“I social media sono un ottimo strumento per diffondere la consapevolezza, ma come sappiamo creano camere dell’eco che portano a riaffermare le proprie convinzioni”, spiega Naef riferendosi alla costante polarizzazione di alcuni temi che avviene all’interno dei social media. Lo stiamo vedendo con la pandemia attuale, con la politica. E nemmeno temi come i cambiamenti climatici ne sono esenti. D’altro canto “alcune piattaforme social stanno introducendo posizioni a favore del clima più forti, come Facebook che ha recentemente incluso una sezione sulla consapevolezza del clima sulla loro piattaforma”, continua Naef. “Il che è un grande progresso, ma dobbiamo migliorare ancora”.

Sam Naef. Cresce l’attivismo nei confronti dei cambiamenti climatici

Lo stiamo vedendo in questi ultimi anni. Le nuove generazioni, spinte da movimenti come Friday for Future ed Extintion Rebellion, sono sempre più attente, preparate, e chiedono di agire. Anche se l’epidemia da Covid-19 ha come congelato la discussione sui cambiamenti climatici. “Tuttavia, sono certo che dopo la pandemia, i leader ambientali potranno usare l’argomento secondo il quale siamo stati avvertiti di una malattia trasmessa per via aerea per molto tempo, ma non ci siamo preparati adeguatamente per questo. Lo stesso sta accadendo con il clima, ma su scala molto peggiore”, spiega Naef.

“Le giovani generazioni hanno davvero bisogno di agire e di stimolare il cambiamento ovunque possono”, conclude l’ideatore. “Dando l’esempio e spingendo gli altri a cambiare”. Magari anche attraverso un’app.

Articoli correlati