Il San Nicolao di Milano vince il premio come miglior progetto di riqualificazione

Una vera e propria trasformazione quella del palazzo in Piazza Cadorna a Milano. Passando da una classe G ad una classe A.

Il progetto di riqualificazione del palazzo San Nicolao vince il premio Rebuild 2014, dedicato alle migliori opere di ristrutturazione in chiave sostenibile ed energeticamente efficienti. Realizzato per conto di Beni Stabili da Progetto Cmr, società nata con l’obiettivo di realizzare un’architettura efficiente e sostenibile, il progetto di riqualificazione è caratterizzato da uno stretto legame tra design ed efficienza energetica.

 

Cadorna_arch_foto_post (12)

 

“Personalmente, credo sia fondamentale recuperare e restituire valore promuovendo nuova vita e nuove funzioni per gli edifici esistenti senza invadere altro territorio”, ha dichiarato l’architetto Massimo Roj, che ha firmato il progetto.
“Il San Nicolao, e ancor prima le Torri Garibaldi, ci dimostrano come sia possibile trasformare immobili ormai insostenibili rendendoli più adatti alle esigenze delle persone che li abitano, più attenti ai consumi ambientali e al risparmio energetico; in poche parole: trasformare gli edifici storici in una nuova visione del futuro”.

 

20140826_9_img6809mgm

 

Infatti il palazzo dedicato ad uffici e servizi possedeva ancora la struttura originaria risalente agli anni ’60. Il team di progettazione è riuscito a creare un edificio di alta qualità ambientale, portando lo stabile dalla classe Classe G in classe A.
Ecco che i 10.000 metri quadrati sono stati ripensati dando loro forme geometriche pure, in modo da massimizzare l’efficienza termica e minimizzando le dispersioni. La facciata, rifinita con intonaco fotocatalitico, interagisce con le ombre e con l’incidenza naturale dei raggi solari. Alla termoregolazione interna dell’edificio partecipa un tetto giardino, al quale è possibile accedere dagli uffici.

 

20140826_5_img6798mgm

 

Un progetto che conferma quanto sia importante la riqualificazione degli edifici esistenti, sia per il settore dell’edilizia, sia per quello energetico. Lo conferma Thomas Miorin direttore Habitech e co-ideatore di Rebuild: “La riqualificazione in Italia può essere un motore di sviluppo economico grazie alle opportunità offerte dagli interventi sugli edifici esistenti: possibilità in termini di risparmi energetici e in termini di lavoro creato. L’edilizia, la riqualificazione e l’efficientamento energetico sono i settori che più possono portare posti di lavoro, come dimostrato anche da molti studi internazionali”.

Articoli correlati