Elezioni Usa 2020

Stati Uniti, Bernie Sanders annuncia il suo ritiro dalle primarie democratiche

Bernie Sanders, candidato alle primarie democratiche negli Stati Uniti, ha deciso di terminare la sua campagna elettorale. Il suo discorso.

Bernie Sanders ha ufficialmente annunciato il suo ritiro dalle primarie del Partito democratico negli Stati Uniti. La sua scelta è dipesa dall’impossibilità di vincere a questo punto della corsa. L’avversario Joe Biden, infatti, è in vantaggio netto essendosi aggiudicato finora 10 milioni di voti e 1.217 delegati contro i 914 di Sanders. Il senatore del Vermont ha deciso pertanto di sostenere la candidatura del rivale, nella speranza che possa sconfiggere Donald Trump alle elezioni presidenziali del 3 novembre.

Leggi anche: Chi è Joe Biden, che sfiderà Donald Trump nella corsa alla Casa Bianca

Joe Biden
Uno dei dibattiti fra i due principali candidati alle primarie del Partito democratico: Biden e Sanders © Mandel Ngan/Afp via Getty Images

Il discorso di Bernie Sanders in occasione del suo ritiro

“La battaglia continua”, ha detto Sanders in un video condiviso in diretta sui social. “La mia campagna termina qui, ma non il movimento cui abbiamo dato vita. La lotta per la giustizia prosegue. Per una giustizia sociale, razziale, ambientale. Dobbiamo rinunciare ai combustibili fossili: prima soluzioni simili sembravano radicali, ma ora le si stanno già mettendo in pratica. Perché se non siamo convinti di avere il diritto di vivere in un mondo pulito e libero dall’inquinamento, continueremo ad assistere a fenomeni come siccità e inondazioni. Se non crediamo di meritare di vivere in un mondo giusto, la disuguaglianza e il pregiudizio continueranno a fare da padroni.

Sanders, che ha 78 anni e vive nel quartiere di Brooklyn a New York, una delle città statunitensi più colpite dall’emergenza coronavirus, ha parlato anche della situazione attuale. “Questa crisi ha messo in luce quanto il nostro sistema sia corrotto. Anche prima che scoppiasse la pandemia, era evidente che dovessimo garantire a tutti l’accesso al Medicare [il programma di assistenza medica gestito dal governo per ultra65enni e pazienti affetti da precise patologie, ndr]. L’assistenza sanitaria è un diritto umano, non qualcosa su cui lucrare”.

Leggi anche: Perché Andrew Cuomo, governatore dello stato di New York, è stato definito “il presidente dell’emergenza coronavirus”

Sostenitori del candidato presidenziale democratico Bernie Sanders
Le aziende hanno una responsabilità nei confronti del proprio personale e della propria comunità. Per questo è nata la coalizione Time to Vote © Joe Raedle/Getty Images

 

“Abbiamo vinto la battaglia ideologica”

Il senatore del Vermont ha poi fatto accenno alla difficile situazione economica, dicendo che ci sono moltissime famiglie che in questo momento non sanno come pagare l’affitto, o addirittura faticano a mettere del cibo in tavola. Secondo Sanders, le disuguaglianze a livello finanziario che insistono all’interno della popolazione americana sono “inaccettabili. Dobbiamo, come prima cosa, garantire un salario minimo”.

“Il nostro movimento ha vinto la battaglia ideologica. La partecipazione dei giovani dimostra che il futuro di questo Paese sarà caratterizzato dai valori in cui crediamo. La compassione che ho visto nei volti delle persone che ho incontrato nel corso di questa campagna elettorale mi riempie di fiducia. Ricordatevi che il vero cambiamento non avviene dall’alto verso il basso, ma viceversa”, ha concluso. 

Articoli correlati