Poesia. Tutti per tutti

Le poesie di Julian Tuwim in armonia con le illustrazioni. Bambini, nonni, animali, protagonisti di giochi di parole, grafici e linguistici.

La poesia si legge, certo. Di solito sulle pagine vediamo
righe brevi , che si succedono una dopo l’altra. Sono i versi, in
schemi ordinati. Ma se i versi decidono di abbracciare le immagini,
i colori, la grafica? Se diventano un tutt’uno con la pagina? Che
cosa succede? Un bell’esempio lo troviamo in questo libro di poesie
del poeta polacco Julian Tuwim, indirizzato ai più piccoli,
ma bellissimo anche per i più grandi.

 

“Tutti per tutti” è fatto di immagini, parole, colori.
Elementi che si uniscono in armonia per raccontare storie di
bambini, treni, mamme, nonni e animali, tanti animali, protagonisti
di poesie in cui l’autore si diverte (e ci diverte) giocando col
contenuto e con le parole.

 

Sono pagine che si sfogliano con piacere: lo possiamo dire,
sono proprio belle. Si può saltare da una pagina all’altra,
per godere delle poesie di Julian Tuwim, illustrate dalla grafica
di sette bravissime artiste. Viene voglia di sfogliarlo e
risfogliarlo tutto, di perdersi nei giochi di colori, di leggere
per se stessi o per qualcun altro. Si sorride leggendo e ci si
stupisce della fantasia che anima l’opera. Ci si sente più
leggeri.

 

Un sorprendente gioco di immagini e parole, dove la poesia
regna sovrana. Un modo originale e sfizioso per parlare con
delicatezza ai più grandi e ai più piccoli del mondo
che ci circonda, evocandone la bellezza e la naturalezza che
spesso, presi dalla fretta, non riusciamo a vedere.

 

Un’occasione per regalarsi una sosta piacevole: Julian Tuwim
riesce a insegnare senza annoiare, inventando poesie divertenti,
originali, allegre, sapientemente illustrate. Riesce a parlare a
piccoli e grandi, regalando un tocco di sensibilità a
tutti.

Articoli correlati
Tiziano Terzani: lettere contro la guerra

Tiziano Terzani scriveva questo libro tra 2001 e 2002, immediatamente dopo l’attacco alle Torri Gemelle. Ricordiamo il suo lungo pellegrinaggio di pace che non smette mai di essere attuale.