Mettere in tavola l’acqua previene l’obesità, ecco perché

Secondo alcuni esperti inglesi, il semplice gesto di mettere in tavola una brocca colma d’acqua previene l’obesità perché abitua i bambini a non consumare le bibite zuccherate. Parola di esperti.

I genitori dovrebbero smetterla di comprare succhi di frutta e bevande zuccherate per i figli e dovrebbero proporre loro sempre e solo acqua, durante i pasti e lungo tutto l’arco della giornata, per limitare l’assunzione di zucchero e tagliare il rischio di obesità, ipertensione e diabete. Il consiglio arriva da un team di nutrizionisti inglesi ed è stato ripreso dai maggiori quotidiani del Paese. Gli esperti ritengono che le bevande zuccherate, comprese quelle sportive, contribuiscano all’epidemia di obesità infantile in corso in Inghilterra.

acqua previene l'obesità
Bibita fatta di acqua, limone, lime, chicchi di melagrana © Ingimage

I bambini devono bere solo acqua

Nonostante le linee guida governative volte a scoraggiare l’assunzione di zucchero siano in arrivo, e con esse la proposta di una tassa sulle bevande zuccherate, Susan Jebb, professoressa di dieta e salute della popolazione presso l’Università di Oxford, a capo dei negoziati per raggiungere un accordo tra il governo e l’industria del settore, ha dichiarato che la cosa più efficace che i genitori possano fare al riguardo è tenere le bevande zuccherate fuori dalla tavola, e mettere solo l’acqua. “Incoraggiate i vostri figli a bere acqua. Una volta che sono stati svezzati, i bambini dovrebbero bere solo quella”, ha aggiunto.

acqua previene l'obesità
In tavola, durante i pasti e per tutta la giornata, è meglio tenere una brocca d’acqua a disposizione dei bambini

Bere acqua previene l’obesità

Evitare le bibite industriali, secondo l’esperta, è fondamentale per combattere il problema obesità, per via dei chiari collegamenti che ne legano l’assunzione al rischio di aumento di peso. “Abbiamo anche un meccanismo plausibile per tale effetto, perché le calorie liquide sono note per essere meno sazianti delle calorie solide, ti riempiono di meno,” ha precisato Susan Jebb.

La pensa allo stesso modo il professor Tom Sanders, capo della divisione diabete e scienze nutrizionali presso il Kings College di Londra, secondo cui, inoltre, la commercializzazione di bevande zuccherate durante gli eventi sportivi sta inducendo le persone a credere che bere qualcosa di molto zuccherato renda più attivi, più sportivi. “Abbiamo la Coppa del Mondo in corso al momento. Alcune di queste bevande energetiche sono estremamente ricche di zuccheri, tra i 60 e i 70 grammi in una sola bottiglia”, ha detto. “Il modo in cui questi alimenti sono presentati e commercializzati è uno dei problemi che stiamo riscontrando”.

Articoli correlati