Vecchie ferrovie diventano piste ciclabili

I binari dismessi e non più utilizzati diventano piste ciclabili per recuperare aree altrimenti degradate mettendole così a disposizione dei cittadini. Il caso di Piemonte e Veneto.

Due progetti diversi tra loro, ma entrambi mossi da un obiettivo comune: recuperare aree dismesse e renderle fruibili agli amanti delle due ruote.
Il primo prenderà il via in Piemonte, dove un accordo tra la Regione e RFI prevede di recuperare linee ferroviarie dismesse da più da 10 anni per trasformarle in piste ciclabili.

La curiosità riguarda la reversibilità del progetto e una sorta di sostenibilità intrinseca: le piste saranno realizzate con dei pannelli in grado di poggiarsi perfettamente sulle rotaie e di poter essere disinstallati una volta che la tratta tornasse operativa. Economici, pratici. Così da restituire paesaggi spesso mozzafiato e strapparli dal degrado e dall’abbandono.

L’altro percorso, ancora in fase di realizzazione, ma con molti chilometri pronti alle spalle, è quello della trasformazione in pista ciclabile della vecchia tratta ferrovia Ostiglia-Treviso, realizzata dall’esercito italiano nei primi anni del ‘900 per poter traslocare rapidamente le truppe in caso di guerra.

La pista, una volta ultimata, misurerà 120 km e collegherà Treviso al comune di Ostiglia in provincia di Mantova, attraversando tutto il Veneto. Ad oggi sono circa 40 i chilometri realizzati, in particolare tra Padova e Treviso. Percorrendoli si potrà godere dei residui naturalistici di quella che un tempo era una terra rigogliosa, fertile e ricca d’acqua.

Articoli correlati
All’Ikea si ricaricano le elettriche

Il colosso svedese del mobile annuncia che doterà i 20 punti vendita sparsi sul territorio, di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici. L’obiettivo è diventare la prima catena della grande distribuzione in Italia a fornire questo servizio ai propri clienti.

Inghilterra. Parte la rivoluzione su due ruote

Il premier britannico Cameron ha annunciato un investimento da 100 milioni di euro per incentivare l’uso della bicicletta in Inghilterra. Nella nazione d’Oltremanica è cominciata la rivoluzione su due ruote.