Vitamine cucinate, vitamine perdute

I metodi tradizionali di conservazione e cottura degli alimenti possono influenzare sensibilmente le vitamine contenute e il valore nutrizionale del cibo.

Anche l’attenta osservanza di una dieta bilanciata ricca di frutta,
verdura e cereali può non essere sufficiente a coprire i
fabbisogni giornalieri di micronutrienti (vitamine, sali minerali,
oligoelementi) se si consumano troppi cibi precotti, confezionati,
surgelati o conservati.

La sogliola alla griglia perde l’82% di acido folico, l’85% di
vitamina A e il 18% del potassio, per non parlare delle perdite di
vitamina PP e B6 che sfiorano il 40%. Anche il vecchio e sano
minestrone dopo la cottura si ritrova a mal partito: perde il 35%
delle fibre, il 58% della B6 e la vitamina C sparisce
completamente.

E questi sono solo degli esempi. Anche preparare i cibi con troppo
anticipo è sbagliato. La frutta fresca per esempio si
è rivelata sensibilissima al fattore tempo. Una macedonia di
frutta dopo solo quattro ore dalla preparazione può perdere
quasi completamente il contenuto di vitamine B1, B2 e acido folico,
fino al 49% di vitamina C e fino al 39% di vitamina PP.

Per evitare carenze, le regole sono:
1) ridurre i tempi di cottura, anche per rendere i cibi più
gustosi e digeribili; 2) preparare frutta e verdura cruda subito
prima di consumarle.

Nicoletta Morabito

Articoli correlati