VivaTech 2019. Torna a Parigi il summit sull’innovazione e le tecnologie, in primo piano la mobilità

Mobilità in primo piano al VivaTech 2019 di Parigi, fra i più importanti appuntamenti dedicati all’innovazione. Tra i protagonisti, l’elettrico secondo Renault, la barca “mangiaplastica”, il treno a levitazione e i taxi volanti.

Mobilità, intelligenza artificiale, 5G, blockchain, calcolo quantistico, assistenza sanitaria connessa, la nuova corsa allo spazio, l’ambiente. Si è appena concluso a Parigi VivaTech, l’appuntamento internazionale dedicato all’innovazione in tutte le sue forme. All’appello hanno risposto 9mila startup, 1.900 investitori, quasi 2mila giornalisti e 125 paesi. La mobilità, in tutte le sue forme, è stata fra gli 8 trends protagonisti di questa edizione. Noi siamo andati a curiosare per raccontarvi le innovazioni che ci hanno più colpito.

Renault e la mobilità elettrica, autonoma e condivisa

Fra i protagonisti della rassegna parigina VivaTech il gruppo Renault che ha scelto l’importante appuntamento per illustrare la sua visione di mobilità. Fra le idee più interessanti presenti allo stand – animato da molti incontri e speech – Renault Ez-Flex, un veicolo commerciale estremamente compatto, elettrico, connesso, pensato per il futuro della consegna urbana. Grazie alla sperimentazione con il gruppo La Poste, questo veicolo ha la sua più grande innovazione nella modularità della parte posteriore, che permette di mutarne funzione in pochi minuti.

Al VivaTech Ez-Pod, il robotaxi autonomo di Renault

Allo stand c’era anche Ez-Pod, un piccolo robot-veicolo autonomo realizzato sulla base della Renault Twizy ideato per il trasporto di persone o merci in ambiti urbani. Karhoo, infine, è una piattaforma di prenotazioni che unisce taxi, noleggio di auto con conducente e noleggio di auto private, per offrire agli utenti una mobilità sempre più versatile e condivisa.  “In un momento in cui i temi della mobilità non sono mai stati così centrali per le sfide mondiali, il nostro ruolo come costruttore storico generalista è più decisivo che mai. È nostro dovere proporre le soluzioni più innovative per affrontare i problemi degli ambienti urbani saturi e porre così le basi della smart city del futuro”, ha dichiarato Thierry Bolloré, Direttore generale del gruppo Renault.

 

Atea, il velivolo a decollo verticale per la città

La mobilità urbana del futuro penserà sempre più ad eliminare auto dal suolo e a sfruttare gli spazi aerei per spostare merci e persone. Ascendance, una piccola e giovane realtà tutta francese, ha presentato a VivaTech Atea, un velivolo VTOL (l’acronimo inglese di Vertical Take-Off and Landing), è un velivolo a decollo verticale pensato per integrarsi nelle infrastrutture urbane, con basso impatto acustico (una delle criticità che sta ritardando lo sviluppo di questi sistemi) e bassi costi operativi, capace di muoversi su distanze entro i 150 chilometri. Obiettivo? Sviluppare una mobilità aerea urbana senza rivoluzionare il paesaggio urbano

Atea ascendance-flight
Ascendance, una piccola e giovane realtà tutta francese, ha presentato a VivaTech Atea, un velivolo a decollo verticale pensato per integrarsi nelle infrastrutture urbane. ®Ascendance

Gyrolift, il sedile robotizzato per la mobilità ridotta

Gyrolift è una soluzione di mobilità universale e innovativa basata sulla combinazione di un Segway e un sistema robotizzato di sedute modulari stabilizzate pensato persone con mobilità ridotta. Offre all’utente una seduta dotata di stabilizzazione automatica che consente di muoversi sia seduti che in piedi su una soluzione compatta, maneggevole e totalmente sicura, utilizzabile anche in ambiti domestici o sul luogo di lavoro.

Gyrolift, il sedile robotizzato
Gyrolift è un sedile robotizzato pensato per le persone a mobilità ridotta. Combinazione di un Segway e un sistema di sedute modulari stabilizzate, consente di muoversi sia seduti che in piedi in ambiti domestici o lavorativi. ®Gyrolift

Hovertaxi, l’alternativa (volante) per liberare i centri urbani

Centri urbani sempre più congestionati e inquinati? Esigenze di viaggio veloci e affidabili? Fra le soluzioni in mostra a Parigi, Hovertaxi, un sistema di trasporto volante urbano e integrato. Si tratta di un piccolo velivolo con un multi-rotore elettrico che sfrutta un’infrastruttura di terra basata su contenitori modulari.

Space-Train Viva Tech 2019
A VivaTech 2019 lo Space Train, una “navetta” che viaggia grazie a un sistema a levitazione su cuscini d’aria. A guida autonoma e più veloce del TGV la sua sperimentazione è prevista in Francia entro la fine del 2020.®SpaceTrain

Space Train, il treno autonomo a levitazione

L’idea è dell’imprenditore Emeuric Gleizes e si chiama Space Train, una “navetta” che viaggia grazie a un sistema a levitazione su cuscini d’aria e a una monorotaia. In grado di trasportare fino a 250 passeggeri, pensato per ridurre significativamente impatto, tempi e costi di viaggio, è un piccolo treno a guida autonoma più veloce del TGV. L’obiettivo è quello di lanciare un primo shuttle di prova entro la fine del 2020.

Plastic-Odyssey
Si chiama Plastic Odyssey ed è una barca dotata di un mini laboratorio di riciclaggio, capace di navigare spinta dall’energia prodotta (a bordo) riciclando le plastiche raccolte nei mari. Nel 2020 partirà per un tour mondiale negli oceani. ® PlasticOdyssey

Plastic Odyssey, la barca che trasforma la plastica in carburante

Fra i progetti più interessanti in mostra al Viva Tech di Parigi, Plastic Odyssey è una barca dotata di un mini laboratorio di riciclaggio, capace di navigare spinta dall’energia prodotta (a bordo) dai rifiuti e dalle plastiche raccolte nei mari. L’idea è venuta a Simon Bernard che con un piccolo team ha progettato un catamarano lungo 6 metri equipaggiato con un laboratorio capace di trasformare le plastiche nei mari in carburante. Il sistema riscalda la plastica raccolta ad altissima temperatura e in assenza d’ossigeno ne scompone le molecole trasformando le plastiche in gas che, una volta depurato, alimenta il motore. La barca può raccogliere fino a 5 chili di rifiuti plastici l’ora producendo 3 litri di carburante. Il progetto prevede un tour mondiale che partirà nel 2020, durerà 3 anni con 30 scali in 3 continenti.

UrmO per la mobilità personale
UrmO è elettrico, leggero ed estremamente compatto, perfetto per muovesti in città su tratte brevi. Richiudibile in pochi secondi, si può infilare nel bagagliaio di un’auto o sui mezzi pubblici. ® UrmO

UrmO, la mobilità personale formato “tascabile”

UrmO è un veicolo elettrico, leggero ed estremamente compatto, perfetto per muovesti in città su tratte brevi. Dotato di un sofisticato sistema di auto bilanciamento che ne rende facile l’utilizzo, grazie al sistema di piegatura brevettato, chiuso ha le dimensioni di una cartella e in pochi secondi si trasforma in un efficacie sistema di mobilità personale, facile da portare a bordo su mezzi di trasporto pubblici o in auto. Le ruote di grandi dimensioni gli permettono di muoversi su tute le superfici senza difficoltà.

Articoli correlati
Economia circolare. Così l’auto diventa più virtuosa

Fabbriche e processi produttivi sempre più efficienti, rivestimenti ricavati dalla plastica. Persino una smart island dove l’auto elettrica è parte del sistema energetico locale. L’auto nell’economia circolare secondo Renault.