Zimbabwe, la siccità uccide 55 elefanti

Sono 55 gli elefanti morti di stenti a causa della siccità nello Zimbabwe. Che rischia di mettere in ginocchio l’intero paese.

I cambiamenti climatici si sono abbattuti in modo drammatico negli ultimi due mesi sullo Zimbabwe. Almeno 55 elefanti sono infatti morti di fame e di sete nella principale riserva della nazione africana. Gli animali sono vittime della grave ondata di siccità che affligge il paese, secondo quanto indicato dalle autorità locali.

“Nello Zimbabwe abbiamo disperatamente bisogno di pioggia”

A ciò si aggiunge la sovrappopolazione di pachidermi nella riserva: “Il parco di Hwange è stato concepito per accogliere 15mila elefanti, mentre in questo momento ce ne sono più di 50mila. La siccità ha reso perciò le quantità di cibo e acqua insufficienti per rispondere ai bisogni di tutti”, ha spiegato un portavoce dell’agenzia locale per la protezione della fauna. Secondo il quale “la più grave minaccia per la sopravvivenza degli elefanti è proprio la scomparsa del loro habitat. La situazione è attualmente terribile. Abbiamo disperatamente bisogno di pioggia”.

elefanti importazione di trofei di caccia Stati Uniti donald trump
Nel periodo compreso tra il 2007 e il 2014 la presenza di elefanti è diminuita del 30 per cento in 15 paesi africani, in base ai dati pubblicati l’anno scorso dal Great elephant census © Diana Robinson/Flickr

Spinti dalla fame, numerosi elefanti stanno tentando di lasciare le riserve e si avvicinano ai villaggi circostanti. Negli ultimi mesi, secondo fonti locali, sono almeno 200 le persone che sono state uccise dai pachidermi, particolarmente aggressivi a causa della necessità di procacciare cibo.

7,7 milioni di persone a rischio fame nei prossimi mesi

Come in tutta l’Africa australe, infatti, lo Zimbabwe è privo di precipitazioni ormai da mesi. Si tratta di episodi di siccità che negli ultimi anni risultano aggravati dai cambiamenti climatici. Il che mette non soltanto in pericolo la vita degli animali, ma anche la sicurezza alimentare degli esseri umani. Sui quali pesa anche una pesante crisi economica. Secondo le cifre riferite dalle Nazioni Unite, di qui a gennaio sono 7,7 milioni le persone che nello Zimbabwe rischiano la fame. Il che equivale a quasi la metà della popolazione.

Di fronte a tale scenario, la soluzione proposta dal governo della nazione africana è inquietante: occorrerebbe allentare le maglie del divieto di commercio d’avorio, poiché ciò consentirebbe di gestire più facilmente la popolazione di elefanti. Un’ipotesi osteggiata con forza dalle associazioni che si battono per la difesa degli animali.

Basti pensare che, secondo l’Unione internazionale per la conservazione della natura, in un solo decennio il numero di esemplari di elefanti presenti in Africa è sceso di 110mila unità, arrivando a 415mila. E ciò in larghissima parte proprio a causa del bracconaggio e del commercio di avorio.

Articoli correlati