Raccolta differenziata

Anche in Italia il marchio di certificazione forestale FSC

Nasce lo “sportello” in grado di armonizzare le istanze provenienti da rappresentanze sociali, gruppi ambientalisti e imprese forestali, di vigilare sul corretto uso del marchio e di elaborare uno standard di gestione forestale.

Con la nascita di FSC (Forest Stewardship Council) Italia da oggi
sarà più facile per le aziende, i produttori
forestali, i trasformatori dei prodotti in legno e in carta
accedere alle informazioni e alle iniziative per ottenere il
marchio FSC e garantire al consumatore prodotti
eco-compatibili.

Il FSC è il marchio riconosciuto internazionalmente come il
più rigoroso e prestigioso ed è l’unico riconosciuto
dalle organizzazioni ambientaliste mondiali. Opera su scala
mondiale, garantendo la qualità ambientale dei prodotti
forestali da qualsiasi parte essi provengano. Assicura la
qualità delle rigorose procedure quali: verifiche sul campo,
monitoraggio delle aree in cui vengono condotte le operazioni e
consultazione di parti sociali e popolazioni locali. Le sue
strutture sono gestite sulla base dei principi della
trasparenza.

L’industria italiana ha ora a disposizione un grande strumento di
mercato.
A tal proposito Greenpeace e WWF chiedono al Parlamento di
accogliere l’emendamento, da loro promosso, alla Finanziaria 2001
che prevede di fornire agevolazioni fiscali alle imprese del
settore carta e della lavorazione del legno che vogliano utilizzare
prodotti forestali certificati e materie prime provenienti dalla
raccolta differenziata dei rifiuti.

 

Articoli correlati