Saleh al-Arouri, alto funzionario di Hamas, ucciso in un sobborgo di Beirut

Fonti libanesi confermano l’uccisione di almeno sei persone a Beirut, in un attacco mirato contro Hamas. Tra le vittime il numero due Saleh al-Arouri.

Un bombardamento mirato avrebbe ucciso l’alto funzionario di Hamas Saleh al-Arouri nel sobborgo di Dahiyeh, a sud di Beirut, capitale del Libano. Il quartiere, prevalentemente residenziale, è una roccaforte del movimento armato libanese Hezbollah e ospita uffici di Hamas. Non ci sono al momento informazioni su chi siano le altre vittime dell’attacco, ma fonti dell’organizzazione islamista palestinese hanno diffuso la notizia della morte di altri due comandanti delle brigate al Qassam.

Il primo ministro libanese Najib Mikati ha condannato l’esplosione, definendola un “nuovo crimine israeliano” che mira a trascinare il Libano in una nuova fase di scontri. Mikati ha dichiarato anche di voler presentare un esposto urgente al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Al momento, nonostante le comunicazioni arrivate da Hezbollah, Hamas, dal governo libanese e dall’Iran, Israele non ha rilasciato commenti sull’accaduto.

Da quando l’8 ottobre sono iniziati i pesanti scambi di fuoco al confine libanese-israeliano, i combattimenti si sono concentrati a pochi chilometri dal confine, ma in diverse occasioni l’aviazione israeliana ha colpito quelle che, a suo dire, erano postazioni di Hezbollah più in profondità nel Libano, senza mai arrivare, però, a Beirut.

Chi era Saleh al-Arouri

Arouri è stato vicepresidente dell’ufficio politico di Hamas e membro fondatore dell’ala armata del gruppo in Cisgiordania. Nato il 19 agosto 1966 nella città di Ramallah, quando era ancora sotto il controllo giordano, ha iniziato la sua militanza partecipando alla politica studentesca all’Università di Hebron. In seguito, è stato uno dei fondatori delle Brigate al Qassam, l’ala militare di Hamas.

Ha trascorso 18 anni in una prigione israeliana prima di essere rilasciato nel 2010 ed espulso in Siria. Arouri ha vissuto relativamente in libertà a Beirut, ma nel 2015 è stato inserito in un elenco di terroristi degli Stati Uniti e Washington ha messo una taglia di cinque milioni di dollari sulla sua cattura.

Incontro a Beirut del 25 ottobre 2023 tra al-Arouri, il leader di Hezbollah Nasrallah e Ziyad al-Nakhalah del Jihad Islamico © Hezbollah Press Office/Handout/Anadolu via Getty Images

Secondo un rapporto del quotidiano New York Times, Arouri è stato responsabile del rafforzamento dei legami di Hamas sia con l’Iran che con Hezbollah, visitando Teheran per incontrare il capo del Consiglio supremo di sicurezza nazionale iraniano. Ha anche ampliato l’infrastruttura militare di Hamas in Libano.

Il suo assassinio può rappresentare un elemento grave di escalation del conflitto da parte di Israele, sia contro la leadership di Hamas all’estero che contro gli Hezbollah libanesi.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Cosa sta succedendo a Rafah

Israele ha chiuso i valichi di Rafah e Kerem Shalom, dopo l’inizio dell’operazione militare sulla città al confine con l’Egitto