Londra, un furgone sulla folla davanti alla moschea di Finsbury Park. Si segue la pista terroristica

Poco dopo la mezzanotte un furgone è salito sul marciapiede investendo la folla radunata di fronte alla moschea di Seven Sisters Road a Finsbury Park, a nord di Londra, provocando un morto e otto feriti.

La città di Londra, nel Regno Unito, si è risvegliata stamattina con la notizia di un altro attacco terroristico, che segue i recenti attacchi avvenuti a London Bridge e davanti alla sede del parlamento britannico a Westminster.

Intorno alle 00:20 di lunedì 19 giugno (ora locale) un furgone è salito sul marciapiede per colpire i fedeli radunati fuori dalla moschea di Seven Sisters road, nella zona di Finsbury Park, nel nord di Londra, provocando per il momento un morto ed otto feriti, tutti appartenenti alla comunità musulmana. I fedeli erano radunati fuori dal luogo di culto dopo aver terminato le preghiere che seguono il digiuno durante il Ramadan.

Arrestato il conducente del mezzo

Secondo quanto affermato dalla polizia, il conducente del mezzo, un uomo di 48 anni, è stato arrestato dalle forze dell’ordine intervenute pochi minuti dopo l’attacco su sospetto di attentato omicida. La Bbc riporta che un testimone, Abdul Rahman, ha sentito il guidatore dire “voglio uccidere tutti i musulmani” nel momento in cui stava tentando di uscire dal furgone e scappare. Vista la natura dell’incidente, il sindaco di Londra Sadiq Khan ha comunicato che ulteriori unità della polizia sono state impiegate nella zona per rassicurare la comunità, in particolare coloro che stanno osservando il Ramadan.

L’incidente è trattato come atto terroristico

Le indagini del caso sono state affidate al Counter terrorism command e il ministro degli interni Amber Rudd ha confermato che l’incidente è stato trattato dalla polizia come un “incidente terroristico”. La primo ministro Theresa May ha descritto l’evento come un “terribile incidente”, aggiungendo: “Ogni mio pensiero è con coloro che sono stati feriti, i loro cari e gli addetti al servizio di emergenza intervenuti sul posto”. Il segretario generale del Muslim council of Britain, Harun Khan, in un tweet ha comunicato di essere “scioccato ed indignato dal fatto che un furgone abbia intenzionalmente investito i fedeli”, aggiungendo in un comunicato che “negli ultimi mesi e settimane i musulmani hanno sopportato molti incidenti di islamofobia”. Scotland Yard in mattinata l’ha definito”un attacco a Londra e a tutti i londinesi”, invitando tutti i cittadini a restare uniti contro l’estremismo, qualsiasi cosa causi.

Articoli correlati