L’Australia e il carbone, verso la chiusura di un’enorme centrale entro il 2035

La centrale a carbone Loy Yang A, in Australia, chiuderà prima del previsto. È responsabile del 3% di tutte le emissioni di gas serra della nazione.

  • L’Australia annuncia la chiusura di una centrale a carbone responsabile del 3% delle emissioni nazionali.
  • Si tratta della Loy Yang A, nello stato di Victoria, e la sua chiusura è prevista entro il 2035.
  • Nel giro di un anno è la seconda chiusura annunciata grazie alla concorrenza delle rinnovabili.

L’Australia, uno dei maggiori produttori di emissioni pro-capite di CO2 al mondo a causa del carbone, è stata a lungo considerata in ritardo nella politica climatica. Ma ora le centrali a carbone sembrano destinate a chiudere, se non fallire, anche qui. La centrale a carbone Loy Yang A, nello stato australiano di Victoria, chiuderà entro il 2035. Ad affermarlo è stata la società proprietaria della centrale, Agl Energy, che da una parte è il più grande produttore di elettricità dell’Australia, ma allo stesso tempo il più grande inquinatore: la Loy Yang A ha emesso 16,6 milioni di tonnellate di gas serra nel biennio 2019-2020. Nello stesso periodo, l’intera Australia ne ha emesse 513,4 milioni. Questo significa che si andrà a chiudere una centrale che da sola è responsabile del 3 per cento dell’intera isola.

carbone-australia
Una panoramica della centrale a carbone Loy Yang a Traralgon, Australia © Asanka Ratnayake/Getty Images

Ora l’Australia punta a ridurre del 43% le emissioni entro il 2030

Inizialmente la sua chiusura era prevista per il 2048, poi lo scorso febbraio è stato deciso di anticiparne la chiusura di tre anni. In seguito a un cambio di vertice in Agl, ora la data annunciata è il 2035. All’inizio di quest’anno, infatti, il miliardario australiano Mike Cannon-Brookes è diventato il maggiore azionista della società e fin da subito ha costretto la Agl a diventare più green.

Dalla sua elezione a maggio, il primo ministro dell’Australia Anthony Albanese si è impegnato a ridurre del 43 per cento le emissioni di gas serra del 2005 entro il 2030, rispetto all’impegno del suo predecessore, Scott Morrison, fermo al 26-28 per cento.

Bisogna finirla col carbone, subito

Ma diversi scienziati hanno comunque criticato il governo perché continua a sostenere le industrie dei combustibili fossili. Climate Council, una tra le principali ong che si occupano di cambiamenti climatici in Australia, afferma che la decisione di Agl è la prova che il carbone non sia più commercialmente redditizio per il paese.

Per questo motivo, decisioni come quella di uscire dal carbone nel 2035, invece di uscirne subito, non è accettabile. Mancano più di 10 anni al 2035 e gli effetti del phase-out saranno percepibili ancora più tardi, mentre l’urgenza climatica è ora.

Solo le rinnovabili possono far chiudere altre centrali a carbone

La notizia positiva, però, è che il caso Loy Yang A non è l’unico: a febbraio la più grande centrale a carbone dell’Australia – la Eraring a nord di Sydney – ha annunciato che chiuderà sette anni prima del previsto, cioè nel 2025, e sarà rimpiazzato da un impianto di stoccaggio di energia rinnovabile.

Il suo operatore, Origin Energy, ha ammesso di non essere più in grado di competere con l’afflusso di elettricità prodotta da fonti rinnovabili. Grazie al potenziamento di queste ultime, le centrali a carbone saranno abbandonate, diventando sempre più insostenibili dal punto di vista economico e costringendo gli operatori del settore ad anticipare la loro data di chiusura.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati