L’auto solare è (quasi) realtà. Merito delle pellicole cinesi

Grazie a dei rivoluzionari moduli fotovoltaici flessibili, entro il 2020 sarà possibile ricaricare le auto elettriche sfruttando il solo irradiamento solare.

Solar Impulse ha fatto scuola. L’aereo alimentato a energia solare, recentemente protagonista della traversata dell’Atlantico e degli Stati Uniti, ha dimostrato come sia possibile viaggiare sfruttando il solo irradiamento solare. Un sogno declinabile anche in ambito automotive, ma che sinora si è concretizzato nella semplice possibilità di ricaricare le batterie delle vetture elettriche o ibride plug-in grazie all’energia raccolta dalle centrali fotovoltaiche. Al momento, infatti, non esistono modelli di serie in grado d’attingere direttamente all’energia del sole. Fatta eccezione per alcuni prototipi, questa frontiera resta lontana. Almeno sino ad oggi, dato che una rivoluzionaria pellicola flessibile potrebbe cambiare le carte in tavola e aprire nuovi, inaspettati, scenari per la mobilità alternativa.

 

HanergySolar-001
La gamma delle concept Hanergy Solar a ricarica solare

Diviene energia un terzo dell’irradiamento

Specializzata nella produzione di pannelli fotovoltaici, la cinese Hanergy Holding Group ha presentato degli avveniristici moduli flessibili a film sottile costituiti da celle all’arseniuro di gallio – un semiconduttore – in grado di trasformare in energia il 31,6% dell’irradiazione solare. Una resa a dir poco eccezionale che ha suscitato l’entusiasmo del National Renewable Energy Laboratory (NREL) – il laboratorio nazionale americano per le energie rinnovabili – certo di trovarsi al cospetto del più alto tasso di conversione mai visto. Per dimostrare le elevate prestazioni delle proprie pellicole, l’azienda cinese ha realizzato quattro prototipi di auto elettriche, più precisamente una city car, una compatta, una monovolume e una sportiva, accomunati dalla denominazione Solar e, soprattutto, dalla carrozzeria ricoperta da film solari.

 

Le pellicole fotovoltaiche flessibili Hanergy
Le pellicole fotovoltaiche flessibili Hanergy

La ricarica zero non è più un’utopia

L’obiettivo di Hanergy è rendere possibile la “ricarica zero”, vale a dire la produzione di una quantità d’energia sufficiente al moto dei veicoli senza dover attingere alla rete di ricarica esterna. Un obiettivo ambizioso, secondi i tecnici cinesi raggiungibile applicando una pellicola con un’estensione variabile da 3,5 a 7,5 metri quadrati e in grado di generare da 8 a 10 kWh con un’esposizione solare di 5-6 ore. L’energia così raccolta è destinata a essere stivata nelle batterie al litio, garantendo un’autonomia di 80 km. E se piovesse? Nessun problema, dato che resta sempre possibile collegarsi a una colonnina standard e beneficiare di ulteriori 350 km d’autonomia. Una rivoluzione, specie considerando che, sinora, le uniche applicazioni fotovoltaiche in ambito automotive erano limitate al tetto della berlina ibrida plug-in Toyota Prius Prime, commercializzata in Giappone, e ai prototipi Volkswagen Tiguan GTE e Ford C-MAX Solar Energi.

Lo smartphone controlla la ricarica solare

Hanergy promette di traghettare la ricarica solare per autotrazione verso una nuova era, complici ulteriori soluzioni hi-tech quali la pulizia delle batterie mediante ultrasuoni e l’app per gestire la ricarica dallo smartphone tenendo conto delle condizioni meteo e pianificando il viaggio in funzione dell’energia raccolta. L’entrata in produzione delle prime vetture cinesi a ricarica solare è attesa nel 2020. Solar Impulse potrebbe presto avere delle “sorelle” a quattro ruote…

Articoli correlati
Il giro del mondo in … una barca solare

Come un moderno Phileas Fogg uscito da uno dei romanzi di Jules Verne, Raphael Domjan si appresta a vincere la sua di scommessa: fare il giro del mondo con una barca solare.