Bahamas, nuova catastrofe. L’uragano ha colpito un deposito petrolifero

Un deposito di petrolio della compagnia norvegese Equinor è stato danneggiato alle Bahamas. Il greggio è finito anche nell’oceano.

Ad oltre una settimana dal drammatico passaggio dell’uragano Dorian sulle isole Bahamas, le autorità e la popolazione contano ancora le vittime e i danni. I morti accertati sono ormai più di 50. Ma il bilancio è ancora provvisorio: sono ben 2.500 i dispersi, secondo quanto affermato nella giornata di mercoledì 11 settembre dall’Agenzia per le situazioni d’emergenza.

Macchie di petrolio attorno al deposito alle Bahamas

Quest’ultima spera che molte di queste persone possano essere ritrovate nei rifugi improvvisati che sono stati allestiti nell’arcipelago. Nel frattempo, però, gli abitanti delle Bahamas devono fronteggiare un’ulteriore catastrofe. Legata stavolta ad una fuga di petrolio sull’isola di Grand Bahama.

bahamas uragano dispersi
Sono 2.500 i dispersi alle Bahamas a più di una settimana dal passaggio dell’uragano Dorian © Jose Jimenez/Getty Images

Il passaggio dell’uragano, infatti, non ha risparmiato un deposito petrolifero della compagnia norvegese Equinor, situato a pochi chilometri di distanza dal villaggio di High Rock. Le strutture sono state danneggiate e il petrolio è fuoriuscito dal sito: la stampa internazionale parla di “aria irrespirabile per via dell’odore di petrolio” e di “territorio punteggiato da macchie nere”.

Una parte dei tetti in alluminio di cinque dei dieci terminal sono stati divelti. E sono due le cisterne che sono state perforate, secondo quanto indicato da un portavoce della stessa Equinor. The Weather Channel riporta la notizia secondo la quale parte del petrolio è finita nell’oceano, con tutto ciò che questo comporta in termini di danni per l’ecosistema.

La compagnia Equinor: “Bonificheremo la zona”

Quest’ultima, in un comunicato, ha assicurato che bonificherà la zona, aggiungendo però che “la situazione è complessa e difficile. I danni subiti dalle infrastrutture rallentano le operazioni”.

Per tentare di limitare la contaminazione, due navi con a bordo materiale utile per ripulire le aree colpite da fughe di petrolio sono in viaggio dalla Louisiana. Più in generale, altri aiuti sono in arrivo dagli Stati Uniti e da altri paesi: secondo le Nazioni Unite, sono almeno 70mila le persone che necessitano di “un’assistenza immediata” alle Bahamas.

Articoli correlati