Bayer-Monsanto, arriva l’accordo. E vale 66 miliardi di dollari

Le trattative sono finite. Salvo interventi dell’Antitrust, da Bayer e Monsanto nascerà un colosso che avrà in pugno il mercato di sementi e pesticidi.

Monsanto ha detto sì. Dopo cinque mesi di trattative e tentennamenti, la società americana ha accettato l’offerta di Bayer: 66 miliardi di dollari, compreso il debito. Si passa così da 127,5 a 128 dollari ad azione. Per giunta, la casa farmaceutica tedesca si impegna a pagare una commissione da 2 miliardi di dollari qualora l’Antitrust dovesse bocciare la mastodontica operazione. Nella giornata di oggi – si legge nella nota diffusa dal sito di Bayer – i vertici di Monsanto hanno dato il loro via libera alla fusione, che dovrebbe essere portata a termine entro la fine del 2017.

I cinque mesi di trattative tra Bayer e Monsanto

La telenovela era iniziata a maggio, quando Bayer aveva offerto 62 miliardi di dollari in contanti, pari a 122 dollari ad azione, ricevendo in risposta un netto rifiuto. A luglio, il contrattacco: 64 miliardi di dollari, pari a 125 dollari ad azione. Ancora un “no”. Ma la casa farmaceutica non ha mollato e la sua ultima offerta è stata quella vincente. Per gli azionisti di Monsanto, 128 dollari ad azione corrispondono a un premio del 44% rispetto alla chiusura del titolo lo scorso 9 maggio, alla vigilia della prime indiscrezioni sull’acquisizione. Bayer dichiara di voler finanziare la transazione con una combinazione di debito ed equity. La componente equity, pari a circa 19 miliardi di dollari, dovrebbe essere raccolta tramite l’emissione di bond convertibili e aumento di capitale. Ora bisognerà aspettare l’ok degli azionisti di Monsanto e soprattutto quello delle autorità Antitrust.

Proteste contro Monsanto a Los Angeles, maggio 2015. Foto © ROBYN BECK/AFP/Getty Images
Proteste contro Monsanto a Los Angeles, maggio 2015. Foto © ROBYN BECK/AFP/Getty Images

Un futuro cupo per l’agricoltura globale

Il nodo dell’Antitrust non è certo banale. E negli ultimi mesi non sono mancati gli allarmi da parte degli esperti: un colosso come la “Bayersanto” finirebbe per stravolgere il mondo dell’agricoltura. Il settore agrochimico, che vale complessivamente circa 85 miliardi di euro, infatti è già in mano a una manciata di soggetti. Ed è destinato a diventare sempre più oligopolistico, visto che in questi mesi si tratta anche per le fusioni Syngenta-Chemchina e Dow Chemical-DuPont. Ora, dal matrimonio Bayer-Monsanto nascerà il colosso numero uno al mondo, che da solo controllerà il 24 per cento del mercato dei pesticidi e il 29 per cento di quello dei semi.

Il futuro è ancora tutto da scrivere, ma alcune conseguenze sono facili da immaginare. A partire dall’aumento dei prezzi, sia per i produttori sia per i consumatori, e dal calo dell’offerta (e, quindi, della biodiversità). Ma è prevedibile anche che Bayer abbia già messo gli occhi sul mondo degli Ogm. E “spazzare via” il nome di Monsanto, che da anni è inviso alla stragrande maggioranza dell’opinione pubblica, potrebbe rivelarsi un’efficace scelta di marketing capace di far “digerire” meglio ai cittadini il tema degli organismi geneticamente modificati.

Articoli correlati
Whirlpool, guardare lontano puntando al net zero

Zero emissioni nette entro il 2030, zero sprechi e zero rifiuti in discarica. Il colosso degli elettrodomestici spiega come intende raggiungere i suoi ambiziosi obiettivi di sostenibilità.

Articolo sponsorizzato