A Berlino il primo supermercato senza imballaggi

Niente più buste usa e getta, basta imballaggi monouso difficili da riciclare o recuperare. Solo prodotti sfusi. A Berlino c’è chi ha realizzato un nuovo modo di fare la spesa.

Una nuova idea che prende spunto già da felici esperimenti presenti anche nel nostro paese. Un intero supermercato che offre ai propri clienti prodotti sfusi e senza imballaggi. Niente sacchetti di plastica, contenitori monouso, buste usa e getta.

 

Original Unverpackt si propone di rivoluzionare il modo di fare la spesa. Nessun prodotto multimarca, ma alimenti testati e approvati dal negozio, di provenienza regionale, meglio se biologici. Prodotti pensati per tutte le tasche, anche in offerta.

 

Si sceglie il proprio contenitore, o sporta, che si può portare anche da casa e grazie a dei dispenser (come quelli dei cereali che trovate negli hotels), si sceglie la quantità di prodotto che ci serve.

 

Anche questo progetto, come molti altri negli ultimi tempi, è stato realizzato grazie al crowdfunding, al quale tutti possono partecipare con cifre più o meno grandi. Dietro a Original Unverpackt ci sono Sara Wolf e Milena Glimbovski: “Abbiamo lavorato a questa idea per oltre un anno”, spiegano dalla loro pagina di crowdfounding. “Nel 2012 abbiamo realizzato un business plan che ha vinto numerosi premi, per poi renderci conto che questa idea poteva divenire realtà”.

Le due ragazze, la prima con un’esperienza di collaborazione con Fairtrade e l’Onu, la seconda esperta in comunicazione e design, sono riuscite a raggiungere la cifra per iniziare il progetto. Anzi l’hanno abbondantemente superata. E ora sono pronte per realizzare il loro sogno.

Articoli correlati
Prevenire è meglio che curare

Ecoefficienza e rispetto per l’ambiente. E’ questa la direzione di molte aziende italiane che producono imballaggi per prodotti che acquistiamo, ogni giorno, al supermercato. Lo dice il Dossier Prevenzione 2007 del CONAI.