Ciclabile popolare Tuscolana: a Roma i ciclisti si riprendono le strade

Alcuni cicloattivisti hanno dedicato una domenica mattina per realizzare due corsie ciclabili informali sotto un tunnel ferroviario. In attesa che il Comune di Roma faccia la propria parte.

La pista ciclabile popolare Tuscolana di Roma dimostra un fatto: la città ha fame di piste ciclabili e sete di mobilità su due ruote. Alcuni pedalatori hanno deciso di organizzarsi per realizzare le ciclabili popolari: piste verniciate su strada simili a quelle che la giunta dell’ultimo sindaco stava decidendo di realizzare. La ciclabile popolare Tuscolana è uno di questi esempi.  I cicloattivisti ha deciso di dedicare una domenica mattina e i loro soldi per un’azione condivisa, di cui beneficeranno tutti coloro che hanno deciso di muoversi in maniera più sostenibile e meno stressante.

 

Roma non spicca per tasso di utilizzatori di bici eppure in questi anni il numero di ciclisti sulle strade è aumentato considerevolmente. Una città realizzata senza una adeguata pianificazione urbanistica prima, senza una adeguata progettazione della mobilità ciclabile poi. L’amministrazione comunale non riesce a investire energie (qualcuno è convinto che non voglia) per garantire adeguati percorsi per chi si sposta in bicicletta.

 

ciclabile
Particolare della pista dal basso con gli stencil. Foto © Emanuele Rigitano su licenza Creative Commons BY 3.0 IT

 

Non solo la pista ciclabile popolare Tuscolana

Uno dei problemi per chi si sposta in bici è rappresentato dai tunnel, non è un caso che la prima ciclabile popolare è stata realizzata a Santa Bibiana. A due passi dalla Stazione Termini potrebbe diventare un progetto ben più ambizioso, basterebbe imitare gli olandesi: realizzare un tunnel ciclopedonale o in alternativa con una corsia della mobilità per i mezzi pubblici.

 

 

Quello di via Tuscolana è quindi il secondo progetto romano di questo tipo e visto che non si lascia si raddoppia: due corsie pedalabili, una per senso di marcia, realizzata in meno di due ore e con un autofinanziamento di un centinaio di euro abbondanti. Questa volta, oltre alla striscia e al simbolo stilizzato della bici, sono stati aggiunti dei catarifrangenti verticali e un cartello che segnalava la pista. Qualcuno ha però ben pensato di toglierli, come se i ciclisti non avessero già abbastanza  ostacoli da superare.

 

Anche la ciclabile popolare Tuscolana si trova in un tunnel sotto la ferrovia, vicino a una stazione. E anche in questo caso gli automobilisti rispettano la nuova segnaletica informale: una bella notizia che denota un aumento della sensibilità e del rispetto dei segnali. Sarebbe bello vedere nuovi percorsi in città realizzati stavolta da Roma Capitale, consultando magari chi la bici la usa tutti i giorni.

Articoli correlati
Ford Mach-E, al volante dell’elettrica da Guinness

L’avevamo già incontrata per un primo test drive. Nel frattempo, è entrata nei Guinness dei primati. Così, (ri)eccoci al volante dell’elettrica Mustang Mach-E. Che vi raccontiamo nella nostra video prova.