Desertificazione ed erosione del suolo minacciano il Sud America

Oltre il 68 per cento del suolo sudamericano è vittima dell’erosione. Tra le cause principali la deforestazione per creare i pascoli e la siccità.

Viene spesso sottovalutato e considerato alla stregua di qualcosa da calpestare, ma il suolo è vitale per la nostra esistenza, ci fornisce cibo, combustibili, fibre e prodotti medici. È anche indispensabile per la sopravvivenza della biodiversità e degli ecosistemi, è il più grande serbatoio di carbonio terrestre, immagazzina e filtra l’acqua e aiuta a fronteggiare inondazioni e siccità grazie alla sua naturale resilienza.

 

Desertificazione in America Latina
Ogni anno circa sei milioni di ettari di terreno subiscono il processo di desertificazione

 

La scomparsa del suolo in Sud America

Attualmente oltre il 68 per cento del suolo in Sud America è minacciato dall’erosione, cento milioni di ettari di terreno sono stati danneggiati dalla deforestazione, mentre settanta milioni di ettari sono stati sfruttati eccessivamente. La desertificazione, ad esempio, affligge il 55 per cento della regione nord-orientale del Brasile ed ha serie ripercussioni sulle principali colture alimentari ad uso umano, come mais e fagioli. In Argentina, Messico e Paraguay, oltre la metà del territorio soffre problemi legati al degrado del suolo e alla desertificazione. In Bolivia, Cile, Ecuador e Perù tra il 27 e il 43 per cento del territorio deve resistere alla desertificazione. Particolarmente grave è la situazione della Bolivia, dove sei milioni di persone, il 77 per cento della popolazione, vivono in aree degradate.

 

L’America Centrale non ride

La situazione non è molto più rosea in America Centrale, secondo l’Atlante del suolo di Sud America e Caraibi del 2014, l’erosione affligge il 75 per cento della terra in El Salvador, mentre in Guatemala il 12 per cento è minacciato dalla desertificazione.

 

Degrado suolo America del Sud e Caraibi
Le cause principali del degrado del suolo sudamericano sono la deforestazione, le cattive pratiche agricole e i cambiamenti climatici

 

A rischio la sicurezza alimentare

La Fao, l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, sottolinea che fino al 95 per cento del cibo consumato in tutto il mondo proviene dal terreno e che circa il 33 per cento dei terreni a livello mondiale è degradato. Secondo la Fao vi è un legame stretto tra povertà, desertificazione e degrado del territorio.

 

Come combattere desertificazione ed erosione

Per sensibilizzare governi e opinione pubblica sul problema del degrado del suolo il 17 giugno si celebra la Giornata mondiale per la lotta alla desertificazione, istituita dalle Nazioni Unite. Le cause principali del problema sono la deforestazione, l’abuso del suolo e delle risorse, la siccità e i cambiamenti climatici. Occorrono misure concrete e immediate per invertire questa preoccupante tendenza, il primo passo consiste nel realizzare una mappa aggiornata sul degrado del territorio, con l’obiettivo di progettare e attuare misure strategiche di adattamento ai cambiamenti climatici.

 

Deforestazione in Brasile
La deforestazione per fare posto a nuovi pascoli per il bestiame favorisce l’erosione del suolo e la desertificazione

 

Foreste contro i deserti

La riforestazione, da effettuare piantando piante autoctone, è l’arma migliore per arrestare la desertificazione. Parallelamente è necessario rafforzare le misure di protezione delle foreste superstiti. Altrettanto importante è la corretta gestione agricola dei suoli, evitando il ricorso a cattive pratiche che privilegiano risultati a breve termine esercitando grande pressione sul terreno. Secondo la Fao l’adozione di pratiche agricole sostenibili renderebbe possibile la produzione di 58 per cento in più di cibo, oltre a proteggere il terreno per le future generazioni.

Articoli correlati
Mai più violenza

Serve un cambiamento culturale volto alla collaborazione di uomini e donne. Le parole di Simona Roveda nella giornata contro la violenza sulle donne.