L’Emilia Romagna è sott’acqua, persiste l’allerta maltempo

Da Parma a Rimini numerosi fiumi della regione sono in piena, per precauzione sono stati chiusi ponti e strade ed è stata interrotta la ferrovia Rimini-Bologna.

Fino alla mezzanotte di stasera, nella pianura da Parma a Ferrara e in Romagna, è allerta rossa per criticità idraulica, emanata dall’Agenzia di protezione civile regionale. A causa della grande quantità di pioggia che si è riversata nei giorni scorsi, e che continua a cadere, in Emilia Romagna diversi fiumi sono esondati, costringendo vigili del fuoco, forze dell’ordine e volontari della protezione civile ad un lavoro straordinario per garantire la sicurezza della popolazione.

 

Le aree più colpite

La pianura emiliana centrale, tra Modena, Reggio Emilia, Parma e Bologna si trova sott’acqua ed è tra le zone più colpite dal maltempo, ma l’allerta rossa riguarda anche la costa, dove sono previste raffiche di vento fino a 90 chilometri orari, tra Ravenna e Ferrara e tra Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini, come riportato dal sito della regione Emilia Romagna. I punti più critici sono quelli in prossimità dei fiumi Secchia, Panaro e Reno, gli affluenti del Reno e i corsi d’acqua romagnoli. Nel modenese la piena del Secchia ha provocato grandi disagi, imponendo lo sgombero di numerose abitazioni e la chiusura dei ponti, ma al momento fortunatamente non si registrano feriti. In provincia di Forlì-Cesena si è invece verificata l’esondazione del Savio e il cedimento di un argine del fiume Montone. https://www.youtube.com/watch?v=7AR6s4iI2Ko

Chiusi posti e strade, famiglie isolate

In via precauzionale è stata interrotta la ferrovia Rimini-Bologna, nel tratto tra Faenza e Cesena, e sono stati chiusi ponti e strade, anche in Appennino a causa di smottamenti e frane. In provincia di Forlì-Cesena, a causa dell’interruzione di alcune strade, diverse persone sono rimaste isolate. Le forze dell’ordine hanno invitato la popolazione a portarsi ai piani alti, stare lontani da fiumi e argini e di uscire di casa solo se strettamente indispensabile. Per verificare lo stato di allerta e monitorare la situazione e l’evolvere degli eventi è possibile consultare il sito Allerta meteo della regione Emilia Romagna.  

Il peggio non è passato

La soglia di allerta resta dunque alta in Emilia Romagna dove “il peggio non è ancora passato”, ha sottolineato Maurizio Mainetti, direttore dell’Agenzia di protezione civile dell’Emilia-Romagna. Per garantire la sicurezza dei cittadini nel modenese, oltre a vigili del fuoco, forze dell’ordine e protezione civile come nel resto della regione, è intervenuto anche l’esercito. Anche le regioni circostanti sono state colpite dal maltempo, ma in maniera meno intensa. In Toscana e Liguria, per timore dei forti venti, è stata diramata l’allerta gialla, mentre nelle Marche, sempre a causa di pioggia e vento, sono stati interrotti i tratti di alcune strade.

 

Caldo record nell’Artico

Mentre in Italia si registra un maggio freddo e con nevicate anche a bassa quota, la Russia è stata invece investita da un’eccezionale ondata di caldo con punte di 31 gradi nei pressi del Circolo polare articolo, con  circa 25-30 gradi sopra la media per questo periodo. La causa sarebbe lo spostamento di una grande massa d’aria calda che, sfruttando un corridoio, si sarebbe spostata verso la Russia. Si tratta secondo i meteorologi di un fenomeno inusuale e, sebbene non sia possibile affermarlo con assoluta certezza, sarebbe legato ai cambiamenti climatici in atto nel pianeta.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,