I ghiacciai si riducono di quasi 300 miliardi di tonnellate all’anno

Uno studio ha permesso di ottenere la prima cartografia completa dei ghiacciai di tutto il mondo, confermando l’accelerazione della loro fusione.

La fusione dei ghiacciai presenti nel Pianeta ha subito un’ulteriore accelerazione nel corso degli ultimi venti anni. A confermarlo è uno studio pubblicato il 28 aprile dalla rivista scientifica Nature, e curato da un gruppo di ricercatori della Scuola politecnica federale di Zurigo (Svizzera) e dell’università di Tolosa (Francia).

Analizzato mezzo milione di immagini satellitari

Dall’Himalaya alle Ande, passando per le Alpi, è dalla metà del secolo scorso che i ghiacciai si ritirano ovunque sulla Terra. Ma soltanto alcune centinaia di essi, su un totale di circa 220mila sparsi sul globo, vengono monitorati sul posto. “In molte regioni non conosciamo la loro evoluzione”, ha spiegato al quotidiano francese 20Minutes Romain Hugonnet, principale autore dello studio. Per questo il ricercatore ha basato l’analisi su circa mezzo milione di immagini satellitari. Ottenendo così “la prima cartografia completa della ritirata dei ghiacciai in tutto il mondo”.

Le cifre che sono state calcolate sono agghiaccianti. Complessivamente, dal 2000 al 2019 ogni anno sono stati persi in media 267 miliardi di tonnellate. Una quantità pari a quella che basterebbe per sommergere l’intera Svizzera sotto sei metri di acqua, ha commentato il Politecnico di Zurigo. Ma ciò che preoccupa di più è il trend. Se infatti tra il 2000 e il 2004 la perdita è stata di 227 miliardi di tonnellate, essa è passata a 298 miliardi tra il 2015 e il 2019.

La fusione dei ghiacciai in accelerazione ovunque

Se si escludono inoltre le zone periferiche di Groenlandia e Antartico, precisa Hugonnet, in media si è passati da un calo di un terzo di metro all’anno a due terzi di metri: “In venti anni abbiamo raddoppiato la velocità di ritirata. Si tratta di un dato molto preoccupante”.

ghiacciai monte bianco cambiamenti climatici
I ghiacciai del Monte Bianco si ritirano a causa dei cambiamenti climatici © Andrea Barolini

In particolare, i valori peggiori sono quelli registrati in Alaska, sulle Alpi e in Islanda. “In termini di impatto sulla risalita del livello dei mari, la fusione è stata responsabile dall’inizio del secolo di una crescita di 0,74 millimetri all’anno”, avverte lo studio.

Alaska, Alpi e Islanda le zone più critiche nel mondo

La fusione dei ghiacciai sta provocando inoltre un aumento del quantitativo di acqua presente nei fiumi, il che sul breve termine consentirà in alcune regioni (ad esempio in India o nella catena delle Ande) di compensare la mancanza nei periodi aridi. “Ma – sottolinea Hugonnet – in seguito raggiungeremo un picco e la quantità di acqua diminuirà rapidamente, fino a scomparire”. I cambiamenti climatici, dunque, una volta di più sono sotto i nostri occhi.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati