Il primo hamburger di carne coltivata in laboratorio costa 330.000 dollari

Evento forse storico per l’alimentazione umana: a Londra presentato il primo hamburger di carne coltivata in laboratorio.

Un team di ricerca olandese ha svelato a Londra il primo frutto di una ricerca da 330.000 dollari: un hamburger. La carne, però, non viene da animali allevati né barbaramente uccisi, bensì proviene da un bioreattore d’acciaio e da brodo di coltura, soluzioni contenenti sostanze nutritive su cui è possibile crescere cellule. Poi è stata preparata, cotta e mangiata al West London arts and television studio.

L’hamburger da 150 grammi cresciuto in laboratorio

Presentato sotto un piatto d’argento, il tortino di carne di laboratorio era immerso in un piatto circolare. Sembrava avere la consistenza di carne macinata cruda, ma è stato detto che il suo colore rosa è dato dal succo di barbabietola e zafferano. Il tortino, che conteneva anche briciole di pane e un legante per tenere la carne insieme, è stato poi fritto in olio di semi di girasole e burro e il gusto è stato testato da uno scrittore americano e una scienziata austriaca neutrali perché non coinvolti nella ricerca, in una conferenza stampa di fronte ad un pubblico di circa 200 persone.

La ricerca è stata finanziata dal fondatore di Google, Sergej Brin, che al Guardian ha dichiarato: “È solo per provare la bontà dell’idea che stiamo tentando di creare il primo hamburger di carne coltivata al mondo. Mi sono spinto a investire in queste tecnologie per la ragione del benessere animale. Le persone hanno un’immagine erronea della moderna produzione di carne, immaginano antiche fattorie con pochi animali dentro. Quando vedi come le mucche sono trattate, è certamente qualcosa che ti mette in grave disagio”.  Gli assaggiatori dell’evento sono l’autore di Taste of Tomorrow, lo scrittore di Chicago Josh Schonwald, e la ricercatrice austriaca Hanni Rützler di Future Food Studio.

Per comporlo, sono servite 20.000 striscioline di tessuto carneo cresciute dalle cellule staminali. Gli altri ingredienti includono sale, polvere d’uovo, pane, succo di barbabietola e zafferano.

Lo chef Richard McGeown è apparso sorpreso, mentre cucinava quello che probabilmente sarà il più esclusivo e costoso hamburger della sua carriera. “Emana un profumo veramente sottile, ma è letteralmente come cuocere qualunque altro hamburger io abbia cotto prima. Mantiene la sua consistenza incredibilmente bene. E abbiamo ottenuto un colore fantastico: sembra incredibilmente appetitoso”.

I due assaggiatori hanno descritto l’hamburger come in gran parte avente la consistenza e succosità della carne, anche se non col sapore intenso tipico della carne bovina. Hanno detto che l’hamburger aveva bisogno di condimento, segno di una certa insipidità, di suo. Agli altri giornalisti non è stata data la possibilità di gustare la carne, perché non sarebbe stata sufficiente per tutti, ha spiegato uno degli organizzatori.

Numeri e modalità di coltivazione della carne in laboratorio

L’idea di coltivare la carne in laboratorio interessa da tempo alcuni scienziati ed esperti ambientali per la sostenibilità, il clima, e per ragioni etiche. Uno studio delle Nazioni Unite stima che il 70 per cento dei terreni agricoli è utilizzato per allevare bestiame. Una singola cellula prelevata da un animale può moltiplicarsi in 40 miliardi di cellule in laboratorio. Ma i tentativi di produrre carne in laboratorio sono stati molto costosi, e la consistenza e il sapore della carne reale sono difficili da replicare.

L’evento di lunedì è stato pensato solo per provare la validità di un concetto, secondo Mark Post, professore di fisiologia presso l’Università di Maastricht nei Paesi Bassi che ha guidato la ricerca. Può occorrere un altro decennio o due prima che la carne di manzo coltivata in laboratorio possa essere venduta nei negozi di alimentari.

La carne di manzo coltivata, composta da cellule muscolari, è stata cresciuta in laboratorio a partire da un campione di tessuto muscolare da una mucca. Il tessuto è stato poi tagliato in piccoli pezzi e separato in cellule adipose e muscolari. Le singole cellule staminali muscolo-specifiche sono state poi coltivate a forma di anello e tagliate in modo da formare filamenti. Questi fili sono stati stratificati per fogli formato di tessuto per ottenere la consistenza della carne bovina.

Far crescere in brodo di coltura le cellule muscolari che formano la carne è relativamente facile, secondo Post. Le cellule muscolari si dividono e organizzano da sole se coltivate in ambiente adeguato e dato un punto di ancoraggio, come un tendine. Ciononostante, Post e il suo gruppo di colleghi devono ancora capire quale tipo di soluzione nutritiva e quale tipo di ancoraggio può meglio supportare la crescita delle cellule.

La carne di animali comprende anche il grasso e tendini. Gli scienziati ora stanno cercando di far crescere pure il grasso, pensato per contribuire al gusto distintivo di carne. “Il gusto è una questione molto complessa”, ha ammesso Post.

La carne coltivata in laboratorio non è considerata un alimento geneticamente modificato perché le cellule della carne sono derivate ​​dalle stesse cellule staminali che si sviluppano in cellule muscolari negli animali vivi. Post sostiene che queste carni dovrebbe essere sicuro come manzo regolare, ma che ci vorranno altri anni per ottenere dati sull’effetto sugli esseri umani.

Articoli correlati