Il miele di corbezzolo inibisce le cellule tumorali del colon

Esperimenti di laboratorio hanno mostrato come il miele di corbezzolo blocchi il ciclo e il proliferare delle cellule malate.

Le virtù terapeutiche del miele sono note fin dall’antichità: è una fonte di energia, è un antimicrobico, è un sedativo. E questo solo per citare alcune delle sue proprietà che lo rendono un alimento sano e nutriente da preferire allo zucchero e non solo. Se dunque la “bontà” del miele è da tempo una certezza, la notizia è che gli scienziati continuano a scoprire nuove virtù di questo prezioso alimento prodotto dalle api.

miele
Il miele ha innumerevoli proprietà benefiche note fin dall’antichità ©Ingimage

Il miele di corbezzolo contro il tumore al colon

Secondo una recente ricerca, condotta dall’Università politecnica delle Marche, insieme alle università spagnole di Vigo e Granada, il miele di corbezzolo contiene nella sua composizione un’arma contro il cancro al colon, il secondo più diffuso nelle donne e negli uomini, dopo la mammella e la prostata. I ricercatori, con esperimenti di laboratorio, hanno osservato infatti come aggiungendo del miele di corbezzolo alle cellule tumorali del colon, queste smettono di crescere e diffondersi. Come ha spiegato Maurizio Battino, coordinatore dello studio che è stato pubblicato sul Journal of Functional Foods, “il trattamento con il miele di corbezzolo blocca il ciclo delle cellule del cancro regolando alcuni geni, ne inibisce la migrazione, riduce la loro capacità di formare colonie e induce la loro morte programmata”.

corbezzolo
Le cellule tumorali del colon trattate con miele di corbezzolo smettono di crescere e diffondersi ©Ingimage

Una terapia più efficace quanto più lunga

Questi stessi risultati non sono stati rilevati trattando con il miele le cellule sane. Inoltre, secondo lo studio, il meccanismo positivo del miele sulle cellule malate aumenterebbe all’aumentare della quantità e della durata della terapia. La ricerca necessita ora di ulteriori approfondimenti, su modelli vivi, per confermare questi effetti.

Articoli correlati