Il 5 dicembre è la Giornata mondiale del suolo

L’obiettivo principale della giornata è quello di evidenziare l’importanza del suolo per la sicurezza alimentare e per contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici.

È indispensabile per la produzione di cibo, combustibili, fibre e prodotti medici, ma è anche essenziale per la sopravvivenza della biodiversità e degli ecosistemi, è il più grande serbatoio di carbonio terrestre, immagazzina e filtra l’acqua e aiuta a fronteggiare inondazioni e siccità grazie alla sua naturale resilienza. Parliamo del suolo, senza il quale la vita così come la conosciamo sarebbe impossibile.

[vimeo url=”http://vimeo.com/64662202″]

Proprio per sottolineare l’importanza dei suoli e la necessità di mantenerli sani si celebra la Giornata mondiale del suolo istituita nel 2002 dalla Fao, l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura. Il 2015 è stato dichiarato “anno internazionale del suolo” allo scopo di sensibilizzare e promuovere un uso sostenibile del terreno.

Il tema del 2018

Quest’anno le Nazioni Unite hanno lanciato la campagna Be the solution to soil pollution; in particolare il tema dell’edizione 2018 è: Stop all’inquinamento del suolo. Non è un problema visibile quanto lo scioglimento dei ghiacci, eppure un terzo dei terreni globali è già degradato e la situazione rischia di peggiorare considerando che nel 2050 il nostro Pianeta sarà popolato da nove miliardi di persone, stando alle stime dell’Onu.

Il consumo di suolo in Italia

Cementificazione, abusivismo, incuria, pesticidi, i terreni sono stati trascurati e violati per troppo tempo, l’uomo ha creduto a torto di potersi emancipare da quel grembo umido e fertile. In Italia, secondo il rapporto dell’Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), si è ormai perso il 7,3 per cento del territorio e il consumo prosegue tuttora al ritmo di 8 m2 al secondo.

Leggi anche: Consumo di suolo, in Italia cementificata un’area grande quanto piazza Navona ogni due ore

Le precedenti edizioni della Giornata mondiale del suolo

Edizione 2017

La Giornata mondiale del suolo 2017 era dedicata al tema “La cura del Pianeta parte dalla terra”. Il suolo è una risorsa naturale limitata e, quindi, non rinnovabile. Nonostante il ruolo fondamentale che ha il suolo per i mezzi di sostentamento dell’uomo, c’è un aumento a livello globale della degradazione delle risorse del suolo a causa di pratiche di gestione inappropriate e dell’aumento della popolazione che porta a un sovrasfruttamento e a una cattiva amministrazione di questa risorsa essenziale.

Edizione 2016

Edizione 2015

Edizone 2014

“Oggi vi sono oltre 805 milioni di persone che soffrono di fame e malnutrizione. La crescita della popolazione richiederà approssimativamente un aumento del 60 per cento della produzione alimentare – aveva dichiarato il direttore generale della Fao José Graziano da Silva. – Dato che gran parte del nostro cibo dipende dai suoli è facile capire quanto sia importante mantenerli sani e produttivi, sfortunatamente, un terzo dei nostri terreni è in condizioni di degrado e le pressioni dell’uomo stanno raggiungendo livelli critici, riducendo e a volte eliminando alcune delle loro funzioni essenziali”.

Edizione 2013

Articoli correlati
La valle dell’Omo, dove la vita scorre con il fiume

Le tribù della valle dell’Omo in Etiopia vivono a stretto contatto con la natura e il fiume da cui dipendono. Questo reportage esclusivo racconta come la costruzione di una diga, i cambiamenti climatici e un boom turistico stiano mettendo a dura prova la loro capacità di preservare stili di vita ancestrali.