In Groenlandia, il ghiaccio sta sparendo sempre più velocemente

Per il venticinquesimo anno di fila, la Groenlandia ha perso più ghiaccio di quanto ne abbia recuperato grazie alle nevicate. L’instabilità accelera.

Per la Groenlandia il 2021 non è stato un anno tranquillo. Per la prima volta nella sua storia, sulla sua sommità è scesa la pioggia. Ad agosto ha registrato uno dei massimi episodi di fusione dei ghiacci nella sua storia recente. Il 2021 è stato anche il terzo anno di record per scioglimento nell’ultimo decennio.

Quest’anno la calotta glaciale ha perso più ghiaccio di quanto ne abbia recuperato, per il venticinquesimo anno consecutivo. Tra settembre 2020 e agosto 2021, la Groenlandia ha perso in totale 166 miliardi di tonnellate di ghiaccio. Si tratta di un dato in linea con quello degli ultimi decenni. Ma ciò che non è usuale è il modo in cui la Groenlandia è arrivata a perdere tutto questo ghiaccio.

La Groenlandia sta diventando sempre più instabile

Secondo le osservazioni compiute dai ricercatori del Lamont-Doherty earth observatory della Columbia university, l’isola ha subito oscillazioni anomale, passando da stati di intensa fusione dei ghiacci a insolite nevicate (alcune delle quali causate da un uragano). Se da una parte le nevicate sono state abbondanti, dall’altra la perdita dovuta alla fusione (e al distacco di iceberg) è stata la più alta, almeno da quando le registrazioni satellitari sono iniziate nel 1986.

groenlandia-iceberg
La perdita di massa della Groenlandia dipende anche dall’aumento del distacco di iceberg © Mario Tama/Getty Images

“Questo passaggio da un accumulo molto grande a uno scioglimento intenso, è il segnale di un sistema molto instabile che sta cercando un modo per trovare un nuovo equilibrio”, ha spiegato sul Washington Post Marco Tedesco, ricercatore della Lamont. Secondo il ricercatore, l’instabilità sta accelerando la scomparsa di ghiaccio in Groenlandia.

La Groenlandia perde 12 miliardi di tonnellate di ghiaccio al giorno

Gli scienziati calcolano le perdite e gli aumenti di massa totali della Groenlandia tenendo conto di diversi fattori. Per prima cosa, esaminano l’accumulo netto di neve sulla superficie della calotta glaciale, un fenomeno noto come “bilancio di massa”, cioè da quando cadono i primi fiocchi di neve (in genere a settembre) fino alla fine della stagione calda, quando i ghiacci si sciolgono (l’agosto successivo).

Le nevicate invernali sono state buone. Poi alla fine di giugno, quasi inaspettatamente, è caduta una quantità di neve quasi da record. Non solo la coltre ha aggiunto massa alla calotta glaciale, ma ha anche contribuito a riflettere la luce solare nell’atmosfera, ritardando il primo scioglimento dell’estate. Complessivamente, la calotta glaciale è riuscita a guadagnare 396 miliardi di tonnellate di massa grazie alle nevicate da settembre 2020 ad agosto 2021, un dato che rientra nella media degli ultimi decenni, sebbene ancora significativamente inferiore rispetto agli anni novanta.

Ma a partire da luglio, la Groenlandia ha affrontato tre notevoli eventi di fusione dei ghiacci. Uno di questi episodi ha innescato un’impressionante perdita di massa, quantificata in 8-12 miliardi di tonnellate al giorno. L’ultimo dei tre episodi, avvenuto ad agosto, ha causato uno scioglimento diffuso mentre la pioggia cadeva per la prima volta sulla vetta della calotta glaciale.

Le fusioni della calotta hanno innalzato il mare di 1,5 centimetri

Non è solo l’instabilità delle condizioni atmosferiche a causare il distacco di grandi porzioni di ghiaccio, ma anche il surriscaldamento dell’acqua di mare (mentre una percentuale di ghiaccio molto più piccola viene persa a causa del flusso di calore che scivola dalla calotta polare al terreno). Quest’anno, gli scienziati hanno calcolato che circa 500 miliardi di tonnellate sono state perse a causa del distacco di iceberg, il numero più alto in 35 anni di registrazioni satellitari.

In particolare, il ghiacciaio Jakobshavn, in Groenlandia occidentale, già conosciuto per essere il “più veloce del mondo”, ha perso circa 45 miliardi di tonnellate solo nell’ultimo anno, il 10 per cento del totale annuale delle fusioni. Un dato particolarmente allarmante considerando che di recente il ghiacciaio Jakobshavn aveva iniziato a ricrescere. Così, l’elevato tasso di perdita di ghiaccio ha influenzato in modo significativo il bilancio di massa della calotta glaciale. Ma avrebbe potuto andare peggio, se l’accumulo di massa superficiale non fosse stato così alto. Nel 2019, le scarse nevicate invernali e un’estate molto calda hanno provocato una perdita netta di ghiaccio di 329 miliardi di tonnellate.

In totale, dal settembre 1968 all’agosto 2021, la calotta glaciale della Groenlandia ha perso circa 5.500 miliardi di tonnellate di ghiaccio, equivalenti a 1,5 centimetri di innalzamento medio globale del livello del mare.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati