India, la Corte suprema ferma l’abbattimento degli alberi dell’ultimo polmone verde di Mumbai

In seguito a forti proteste dei cittadini, la Corte suprema ha ordinato, per il momento, di fermare il taglio di 2.700 alberi della foresta di Aarey.

La foresta di Aarey è una lussureggiante area verde di oltre 1.300 ettari situata nel cuore di Mumbai, la più grande e popolosa città dell’India, ed è il suo ultimo grande polmone verde. Questa preziosa arteria verde, che emerge da un mare grigio fatto di palazzi e strade, offre un indispensabile contributo per ridurre l’inquinamento atmosferico, contrastare le inondazioni e regolare la temperatura. Ciononostante, il governo indiano ha autorizzato l’abbattimento di migliaia di alberi per costruire una grande infrastruttura per il rimessaggio e la manutenzione delle vetture metropolitane, in vista dell’ampliamento della metropolitana, attualmente in corso.

 

La lotta per l’ultimo polmone verde di Mumbai

Il piano di disboscamento di parte della foresta, che già, secondo il quotidiano Indian Express, avrebbe portato all’abbattimento di 2.134 alberi e prevede di eradicarne altri 2.700, ha scatenato le proteste di attivisti, cittadini, star di Bollywood e alcuni politici. Nelle scorse settimane la polizia ha arrestato oltre cinquanta attivisti che, nel tentativo di proteggere gli alberi, si sono scontrati con le forze dell’ordine. Per difendere la foresta i residenti hanno lanciato diverse petizioni per chiedere che Aarey venga dichiarata area protetta e, per aumentare la consapevolezza dell’importanza dell’area verde, hanno iniziato ad organizzare escursioni nella foresta per ammirarne la variegata biodiversità.

Traffico notturno a Mumbai
La riduzione della superficie boscosa della foresta di Aarey rischia di esacerbare ulteriormente i livelli di inquinamento di Mumbai © Logan King/Flickr

La Corte suprema blocca i tagli

Le proteste hanno sortito il loro effetto attirando l’attenzione della nazione e della Corte suprema dell’India che, di sua spontanea volontà e senza alcuna denuncia formale, ha deciso di occuparsi della vicenda. Lo scorso 7 ottobre l’organo giudiziario ha ordinato al governo statale del Maharashtra, dove si trova Mumbai, di fermare il taglio degli alberi fino alla prossima udienza del 21 ottobre, quando verrà riesaminata la questione. La corte ha inoltre ordinato il rilascio su cauzione di tutti gli attivisti che sono stati arrestati.

Leggi anche

Metro o non metro?

Le autorità ribattono che non c’è nessun’altra posizione idonea per la costruzione del capannone e che l’ampliamento della metropolitana comporterà maggiori vantaggi ambientali degli alberi, in termini di abbattimento delle emissioni. La nuova linea 3 della metro, che dovrebbe aprire nel dicembre 2021, trasporterà  circa 170mila persone al giorno, eliminando quotidianamente dalle strade fino a 650mila veicoli e contribuendo a ridurre il traffico che congestiona la metropoli.

Leopardo indiano (Panthera pardus fusca) nel Rajasthan
Il leopardo indiano è una sottospecie di leopardo presente nel subcontinente indiano. L’hanitat di questi animali è minacciato dalla dilagante urbanizzazione e dalla crescita della popolazione © Ingimage

A rischio nativi e fauna

I vantaggi promessi non giustificano però, almeno secondo gli attivisti, il depauperamento della foresta di Aarey. Oltre a contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici e offrire ai cittadini un rifugio dal caos urbano, la foresta ospita diverse comunità tribali e numerose specie animali dall’importante valore naturalistico, come il leopardo indiano (Panthera pardus fusca). Ambientalisti e residenti temono che la realizzazione del grande parcheggio potrebbe dare il via all’approvazione di altri progetti, minacciando ulteriormente l’ecologia e la fauna selvatica dell’ultimo polmone verde di Mumbai.

Articoli correlati
La valle dell’Omo, dove la vita scorre con il fiume

Le tribù della valle dell’Omo in Etiopia vivono a stretto contatto con la natura e il fiume da cui dipendono. Questo reportage esclusivo racconta come la costruzione di una diga, i cambiamenti climatici e un boom turistico stiano mettendo a dura prova la loro capacità di preservare stili di vita ancestrali.