Jacques Audiard: il profeta del multilinguismo

…e la politica a suon di inni. Il regista Jacques Audiard nelle sale italiane con il suo nuovo film “Il Profeta”.

Il punto di forza del suo nuovo “Un Profeta” (nelle sale italiane
in questi giorni) è l’uso di lingue diverse: un turbine di
francese, arabo e corso che farà girare la testa ai
traduttori ma che sottolinea intelligentemente il caos
multiculturale e il groviglio idiomatico presenti nella vita
sociale ed economica delle capitali del mondo.

Fonte: Phil Hoad, The Guardian via
Presseurop.eu

 

Prima però una notizia dalla Slovacchia.

Con l’avvicinarsi delle elezioni del 12 giugno i partiti
politici rispolverano il nazionalismo. L’ultima idea è
quella di far suonare l’inno nazionale nelle scuole, nei municipi e
in televisione.

 

Fonte: Lubomír Smatana, Hospodárské
Noviny via
Presseurop.eu

 

Articoli correlati
La mappa sonora del mondo

La mappa sonora del mondo: scopo quello di raccogliere e testimoniare i suoni, magari quelli più particolari, per farli sentire a chi è lontano.

Barack Obama, 14 mesi dopo

E’ sicuramente vero che in politica un conto sono le promesse elettorali, altra cosa sono i fatti. Resoconto sui primi 14 mesi di mandato del presidente Barack Obama.

Detroit e i dis-onorevoli

Detroit, città ormai ridotta al fantasma di se stessa. Il sindaco vuole demolirne gran parte, e trasformarla in campagna.