I visionari Marcel Wanders e Ross Lovegrove dialogano sul rapporto tra plastica e design

Due designer di fama mondiale, Marcel Wanders e Ross Lovegrove, a confronto sul rapporto tra plastica e design. A stimolare il dibattito è stata una mostra alla scorsa Milano Design Week in cui 29 designer sono stati invitati a ripensare il loro approccio a questo materiale (ormai) demonizzato.

Durante l’ultima Milano Design Week di aprile scorso, la gallerista Rossana Orlandi ha proposto la mostra RO Plastic-Master’s Pieces per stimolare la comunità del design a interrogarsi sul tema molto dibattuto delle plastiche oggi, promuovendo un uso più responsabile di questi materiali.

Il designer olandese Marcel Wanders ha voluto rispondere con una scelta a favore del riutilizzo (e contro il riciclo) della plastica, esponendo, dopo averla riutilizzata più di 200 volte in circa tre mesi, una delle eleganti bottigliette in plastica usa e getta per l’acqua minerale che Ross Lovegrove gli aveva regalato ai tempi in cui l’aveva progettata, nel 2001, per Ty Nant.

Abbiamo chiesto a Wanders, considerato il “maestro dell’estetica”, promotore di un approccio umanistico al modo di pensare al design, e a Lovegrove, pioniere nell’utilizzo della tecnologia ispirata alla natura, di raccontarci la loro visione sul rapporto tra plastica e design.

rossana orlandi mostra guiltless plastic bottiglia plastica ty nant Ross Lovegrove Marcel Wanders
Don’t Recycle What You Can Reuse. Marcel Wanders, 2019. La bottiglia in Pet creata da Ross Lovegrove nel 2001, con una superficie ondulata che evoca le forme dell’acqua, è stata riutilizzata da Marcel Wanders circa 200 volte in tre mesi come azione-simbolo per affermare il valore del riutilizzo: “Il riciclo, in fondo, legittima il consumo, mentre riutilizzare gli oggetti elimina il senso di colpa nel buttarli via. Non ricicliamo ciò che possiamo riutilizzare!” afferma il designer © Marcel Wanders

Wanders e Lovegrove su design, plastica e comportamenti umani 

Marcel Wanders, perché hai scelto di esporre una bottiglia di plastica usa e getta all’interno della mostra RO Plastic-Master’s Pieces?
MW: La mostra suggerisce che possiamo usare la plastica liberamente, senza conseguenze, se poi viene riciclata. Ma non vorrei dover riciclare, vorrei semplicemente buttare via meno cose. Non credo esista il consumo senza colpe. Non ero d’accordo con l’affermazione di Rossana: la plastica senza colpe non esiste. Fondamentalmente, il riciclo legittima il consumo.

Marcel Wanders designer olandese plastica design
Il lavoro di Marcel Wanders provoca, ma non smette mai di sorprendere grazie a un misto di ingegno, audacia, sorpresa e unicità. La sua preoccupazione principale è di riportare un tocco umano nel design. All’interno dei suoi progetti, molto spesso Wanders sfida i dogmi del design funzionale, preferendo concentrarsi su soluzioni olistiche, non tecnocratiche. In questo universo narrativo, la freddezza dell’industrialismo viene rimpiazzata dalla poesia, dalla fantasia e dal romanticismo © Marcel Wanders

Tu sei uno dei designer più provocatori dei nostri tempi, hai creato molti oggetti iconici, ma anche prodotti intelligenti e sostenibili in grado di ispirare le persone: cosa pensi del concetto di “plastic guilt” (il senso di colpa legato all’utilizzo della plastica)?
MW: Il modernismo, che ancora oggi domina la filosofia del design, considera il passato irrilevante nella creazione del futuro, ma questo cosa comporta per gli oggetti che creiamo oggi? Li rende irrilevanti nel mondo di domani. Un mondo senza passato non ha futuro. La cultura modernista ha creato un flusso continuo di nuovi oggetti che in breve tempo diventano superflui e vengono buttati. Il design di qualità, viceversa, è un’opportunità per assumersi la responsabilità di combattere gli sprechi, e ci sono molte cose che noi designer facciamo e possiamo fare meglio, in questa direzione. Come ad esempio esaminare con più cura i materiali che adoperiamo. E creare conoscenze e metodi in modo che gli oggetti del futuro siano fatti con materiali più intelligenti e consumino meno energia.

Le discariche dimostrano che gran parte dei prodotti che creiamo viene gettata via quando è ancora funzionante. Insomma, gli oggetti non si buttano via perché sono rotti, si buttano via perché si è rotto qualcosa nel nostro modo di vedere le cose. Sta ai designer promuovere una relazione migliore con il mondo che ci circonda e i nostri comportamenti. 

Il design dovrebbe anche accompagnarci nell’avere più rispetto per gli oggetti…
MW: Il design e i designer hanno la responsabilità di condizionare in modo positivo e olistico la relazione tra le persone e l’ambiente che l’umanità ha creato per sé. Per raggiungere questo obiettivo, possono utilizzare i propri prodotti, ma anche quello che dicono e scrivono, o qualsiasi altro mezzo abbiano a disposizione. Un primo passo, fantastico per l’ecologia, è creare oggetti amati dalle persone. Noi designer siamo responsabili delle conseguenze tecniche e materiali del nostro lavoro ma, soprattutto, abbiamo la responsabilità di manipolare la relazione psicologica tra il nostro pubblico, gli oggetti e l’ambiente. In un’epoca in cui le risorse materiali sono sempre più sotto stress, sta a noi elaborare concetti che affrontino la questione di come ci rapportiamo a queste risorse. 

Leggi anche: Plastiche, rifiuto o risorsa? Il design scende in campo a favore di un (ri)utilizzo intelligente

Ross Lovegrove designer londra ritratto biografia plastica design
Ross Lovegrove è il designer londinese il cui lavoro visionario trova ispirazione nella logica e nella bellezza della natura, re-interpretata attraverso la trilogia “tecnologia, scienza dei materiali e forma organica intelligente”, volto a creare la nuova estetica del Ventunesimo secolo. I suoi progetti, di respiro internazionale, si basano su un approccio allo stesso tempo profondamente umanistico e tecnologicamente intelligente, la cui vitalità innovativa ha dato origine a un’ampia gamma di oggetti © Ross Lovegrove

Potremmo dire che non ci sono materiali “giusti” o “sbagliati”, quello che è da correggere sono i comportamenti. Dobbiamo sviluppare una nuova coscienza nei confronti della plastica invece di prendere per scontato che diventerà motivo di inquinamento negli oceani. 

Ross Lovegrove, tu sei considerato uno dei designer più innovativi e imprevedibili della nostra epoca. Le plastiche cosa sono per te: sono il diavolo da evitare o sono solamente incomprese?
RL: Le plastiche hanno contribuito in modo fondamentale alla civiltà moderna, dalle lenti a contatto ai finestrini degli aerei, al confezionamento per il trasporto del sangue, e così via. Dunque, tornare indietro rispetto a un utilizzo intelligente sarebbe disastroso per il modo in cui viviamo.

Va cambiata invece la produzione miope e smodata di prodotti che valgono poco, soprattutto in Cina e in Asia in generale: dai giocattoli tossici agli imballaggi per i cosmetici, ai beni di largo consumo come spazzolini, accendini, infradito, barattoli per lo yogurt, sacchetti di plastica, eccetera. Dobbiamo tornare a usare materiali alternativi e biologicamente conformi al loro utilizzo e alla loro durata, in modo che entrino a far parte di un ecosistema sostenibile. C’è stata un’età del bronzo, un’età del ferro e ora siamo entrati nell’età della plastica: materiali e tecnologie che hanno tenuto il passo con l’evoluzione umana e la crescita demografica.

Il riciclo è da condannare perché “legittima il consumo” come afferma Wanders, o è da esplorare come opportunità per innovare?
RL: Sono completamente d’accordo con Marcel, e nel dibattito ha sollevato la questione in modo intelligente. Il riciclo dovrebbe essere una parte integrante del consumo di materiali monouso, il cui costo dovrebbe essere addossato sia dal produttore e che dal consumatore.

Dovremmo fondare un ente come le Nazioni Unite che vigili sul prelievo delle risorse e un’Onu dell’ecologia industriale per monitorare la speculazione. Il problema va affrontato alla fonte, non con i volontari che ripuliscono le spiagge e i corsi d’acqua; questi gesti dimostrano grande empatia ma, di nuovo, contribuiscono a legittimare il problema.

Il design è in grado di prolungare la vita degli oggetti monouso?
RL: Il design può allungare o accorciare la vita dei prodotti a seconda del loro ecosistema. Ma il problema alla base è l’enorme volume di acquisti online, reso possibile dalla facilità di consumo che offrono servizi come Amazon, Deliveroo ecc. Sta diventando una malattia, la cui forza rema contro una forma di progresso intelligente. In Cina si può ordinare persino il caffè online! 

Wanders, quali cambiamenti avverranno nel prossimo futuro?
MW: Il riciclo è una soluzione ma è anche una minaccia. Non c’è nulla di riciclabile in un bell’armadio d’antiquariato. La sua funzionalità, la qualità dell’artigianato, i valori che esprime e la sua bellezza senza tempo: queste qualità fanno sì che non sia riciclabile, ma lo fanno vivere ora e per sempre. Siamo in grado di creare oggi gli oggetti d’antiquariato del futuro? Non lo so, ma io ci provo. Dobbiamo costruire, educare e ispirare il nostro pubblico.

Pensi che saranno il rigore e la funzionalità o la bellezza a salvarci?
MW: “Se la poesia parla dell’amore,
e l’arte parla dell’amore,
e il teatro parla dell’amore,
e l’opera parla dell’amore…
perché pensiamo che il design parli…
della funzionalità?” (una delle sue frasi preferite, ndr)

E se l’amore fosse una nazione, la bellezza ne sarebbe l’ambasciatrice.


View this post on Instagram

A post shared by GUILTLESSPLASTIC (@guiltlessplastic) on


Lovegrove, se dovessi progettare la bottiglia per Ty Nant oggi, cosa cambieresti?
RL: Se dovessi progettare un’altra bottiglietta di plastica Pet farei in modo che al su interno non possa rimanere intrappolata nemmeno una goccia d’acqua, dato che quasi nessuno parla di quanta acqua rimane in ostaggio nelle nostre discariche. Oppure la rifarei più spessa e con un filtro integrato, quindi naturalmente riutilizzabile.

Wanders, se dovessi progettare una bottiglia d’acqua, cosa faresti?
MW: Come sempre, mi chiederei se ce ne sia una reale necessità. In questo caso, quello che serve è l’acqua pulita e la certezza di averne accesso. Nei paesi industrializzati, invece che creare una bottiglia mostrerei al pubblico l’incredibile quantità di rubinetti dove possono riempire le loro bottiglie riutilizzabili. In altre regioni del Pianeta costruirei più rubinetti o mi impegnerei a rendere l’acqua potabile. La gente non ha bisogno di bottiglie monouso, ha bisogno di acqua.

Pensi che continueremo a utilizzare bottiglie di plastica in futuro?
MW: Non utilizzeremo quelle usa e getta perché sono inefficienti. Opteremo invece per gli oggetti riutilizzabili perché sono efficienti.

Ross Lovegrove design Bamboo bike bicicletta biomega 1997 2001
Bamboo bike. Ross Lovegrove per Biomega, 1997-2001. Tubi in materiali differenti – ferro, alluminio, compositi e polimeri da pultrusione, bambù – connessi da un sistema di giunzioni forgiate, frutto di una combinazione tra la geometria tradizionale e una nuova logica estetica. Sviluppata grazie a una collaborazione tra Ross Lovegrove e Flavio Deslandes, specialista brasiliano del bambù, la Bamboo Bike è stata creata per il produttore di bici danese Biomega © Ross Lovegrove

Lovegrove, molti dei tuoi progetti sono un dialogo perfetto tra natura e tecnologia, come la bicicletta Bamboo che hai progettato per Biomega. Altri hanno avuto come protagoniste le materie plastiche, come la sedia Supernatural ad esempio. Pensi che questo tipo di progetti rappresenti ancora la soluzione migliore per il futuro?
RL: Bamboo bike, la bicicletta che ho progettato per Biomega, era un gesto simbolico rivolto a far cambiare il nostro approccio alla mobilità, e non ha mai avuto un impatto commerciale. Il suo scopo era di infrangere la percezione del design come disciplina high-tech e urbana, portando un messaggio molto sostenibile attraverso l’introduzione di un materiale di origini più modeste e tropicali, come il bambù. Supernatural chair, la sedia in plastica che ho progettato per Moroso, ha dimezzato l’impiego di materiali rispetto al suo concorrente più diretto grazie all’utilizzo della tecnica di stampaggio a iniezione assistita da gas e alle sue linee essenziali. I vuoti all’interno della seduta non sono stati pensati come elementi decorativi, bensì per ridurre l’utilizzo di materiale, principio che applico sempre nei miei progetti.

Alla fine, l’obiettivo è trasmettere in modo discreto e non prescrittivo il messaggio che bisogna limitare gli eccessi, atteggiamento che dovrebbe essere alla base dei processi creativi. Mi piace un design “fat free and fit”, snello e leggero, ovviamente soprattutto relativo alle estetiche e alle tipologie emergenti. Ma questi principi, se applicati alle grandi industrie – automobilistiche, aerospaziali, dell’elettronica di consumo, dei dispositivi portatili ecc. – diventano di estrema importanza. Meno, invece, se confinati ai prodotti domestici e all’arredamento.

Ross Lovegrove design nagami robotica tm 2018
Robotica TM. Ross Lovegrove per Nagami, 2018. Robotica TM, realizzata con una geometria rotazionale, rappresenta il punto di convergenza tra due ambiti scientifici – la botanica e la robotica – per creare un nuovo approccio al design che unisce la programmazione insita nella natura con quella usata nella robotica per costruire l’artificiale. Lo sgabello alto, accessibile a 360 gradi, grazie agli inserti in silicone resistenti al calore, può essere utilizzato in maniera versatile, come seduta o come piano di appoggio © Ross Lovegrove

Il tuo miglior progetto in plastica?
RL: Attualmente sono impegnato a sperimentare la vera rivoluzione del Ventunesimo secolo, le tecnologie additive, la stampa 3D, per creare una reale sintesi della materia tra massa, funzione, tempo ed energia. Credo che questo settore sia l’antidoto naturale ed economico al consumismo di massa. L’obiettivo è di rimpiazzare la banalità del principio dell’usa e getta con un nuovo sistema di valori che possa sostenere la biodiversità e un uso intelligente delle risorse in tutti i settori, dalla biotecnologia, all’aeronautica, alle automobili, fino ad arrivare alla filiera alimentare. Al momento, il mio progetto più rappresentativo è quello insieme a Nagami, una startup spagnola che utilizza la stampa robotica 3D per la quale sono il principale consulente di design. Nagami si occupa di mobili, illuminazione, oggetti e interni usando software e robotica all’avanguardia.

Marcel Wanders design wattcher innovaders 2009
Wattcher. Marcel Wanders per Innovaders, 2009. Questo dispositivo, collegato a una comune presa domestica, visualizza sul display i dati del consumo elettrico, incentivando così gli utenti a ridurre il proprio utilizzo di energia. Il design è molto pulito, proprio per mantenere l’attenzione sui dati sul consumo. “Wattcher è più che non un semplice prodotto: è una strategia di design in grado di sensibilizzare”, afferma Wanders © Marcel Wanders

Wanders, tu sei solito affermare di “dare forma all’industria del design” scoprendo nuovi materiali ma anche allargando i confini del modo di produrre e utilizzare gli oggetti. Progetti come la mascherina O2SafeAir, la prima interamente in materiali naturali, o Wattcher, il contatore che hai progettato per monitorare il consumo energetico domestico, rappresentano bene il tuo atteggiamento verso l’innovazione e il tema della sensibilizzazione. Ma qual è il tuo progetto che, meglio di ogni altro, esprime il desiderio di incentivare nuovi comportamenti?
MW: Nel servizio di bordo che abbiamo progettato per KLM abbiamo inserito una sola ciotola in ceramica al posto di più ciotole in plastica usa e getta, che ha ridotto l’impatto con la riduzione del peso complessivo delle stoviglie. Una soluzione più economica e più bella che mantiene il cibo più fresco e consente di risparmiare CO2 riducendo al minimo il peso su ogni volo. Quest’ultimo è un fattore che contribuisce in maniera significativa alle promesse di KLM in ambito di sostenibilità. Inoltre, dopo un’inchiesta segreta svolta da noi su un aereo siamo riusciti a dimostrare a KLM che a bordo l’acqua bolle a 89 gradi centigradi. E grazie a questa informazione li abbiamo convinti a sostituire il loro servizio da caffè usa e getta con uno biodegradabile, più bello e più leggero, adatto a quelle temperature. I comportamenti sono frutto delle convinzioni, e come ci insegna Friedrich Nietzsche, le convinzioni sono nemiche della verità più pericolose delle menzogne.

Marcel Wanders design Onboard business class collection 2011 klm
Onboard business class collection. Marcel Wanders per KLM Royal Dutch, 2011. Una collezione completa di stoviglie e posate per i clienti della World Business Class di KLM, che include una gamma di piatti e scodelle in porcellana, oggetti in vetro, posate, tovaglioli e vassoi. Ogni aspetto del design è influenzato dall’esperienza del servizio, dagli aspetti operativi – tra cui la produzione, l’imbarcamento e la preparazione del cibo –, da un’attenta cura nei dettagli, e in particolare da considerazioni sull’ambiente, come la riduzione del peso © Marcel Wanders

Qual è il vostro materiale preferito, se ne avete uno?
MW: La materia grigia, il nostro cervello. È l’unico materiale che conta.
RL: La nostra pelle, la pelle vivente di noi esseri umani.

Qual è il vostro messaggio sul futuro della materia da condividere con i lettori?
MW: Sono orgoglioso di far parte di una comunità di creativi che stanno pensando e ripensando le conseguenze della loro professione. Il mio obiettivo, come quello di molti altri, è combattere la cultura dell’usa e getta. Siamo consapevoli delle nostre azioni e condividiamo la responsabilità di migliorare il nostro rapporto con l’ambiente che abbiamo creato. Solo così potremo stabilire un rapporto positivo e a lungo termine con il Pianeta.
RL: “La vita intelligente su di un pianeta diventa tale quando, per la prima volta, elabora una ragione della propria esistenza”.

Tradotto da

Articoli correlati