È morto l’ex presidente israeliano Shimon Peres

L’ex primo ministro e presidente della Repubblica di Israele è morto a 93 anni. Chi era davvero uno dei più importanti politici della storia del paese.

Shimon Peres, storico esponente del partito laburista israeliano, ritenuto uno dei padri fondatori di Israele, è morto all’età di 93 anni in seguito a un ictus che lo aveva colpito due settimane fa. Peres era ricoverato da due settimane all’ospedale Sheba di Tel Aviv e le sue condizioni erano considerate disperate.

Shimon Peres in visita alla Casa Bianca
L’ex presidente di Israele Shimon Peres in visita alla Casa Bianca (Photo by Mark Wilson/Getty Images)

Uomo di pace

“Continuerò a costruire il mio paese conservando la convinzione che un giorno conoscerà la pace”, ha dichiarato Shimon Peres, evidenziando il desiderio di porre fine alle ostilità con la Palestina. Grazie al contribuito ai negoziati per gli Accordi di Oslo nel 1993, il primo trattato di pace mai stipulato da israeliani e palestinesi, Peres fu insignito nel 1994 con il premio Nobel per la Pace, onore condiviso con il primo ministro israeliano dell’epoca, Yitzhak Rabin, e il leader palestinese Yasser Arafat.

Padre della nazione

Quando Shimon Peres, nato in Polonia nel 1923 (con il nome di Shimon Perski), arriva nella Palestina britannica, Israele non esisteva neppure, lo stato israeliano venne infatti fondato nel 1948. Peres ricopre numerose cariche politiche, viceministro, ministro della Difesa, degli Esteri, delle Finanze, dei Trasporti, dell’Informazione e dell’Immigrazione, primo ministro e infine presidente, mandato con cui resta in carica fino al luglio del 2014. Peres era un animale politico e terminato il suo mandato continua a promuovere il dialogo fra ebrei e arabi, attraverso la sua fondazione, il Centro Peres per la pace, e a visitare i leader politici di tutto il mondo, affascinati dal suo carisma.

Shimon Peres durante una conferenza
“Voglio che il Nostro paese si basi sì su radici storiche molto profonde, ma anche che sia proiettato verso il futuro, verso i successi della scienza” (Photo credit should read BRENDAN SMIALOWSKI/AFP/GettyImages)

Le ombre su Shimon Peres

La pace non è però l’unica strada politica che Peres ha percorso durante la sua carriera. Nel 1970, quando era ministro della Difesa, approvò i primi insediamenti ebraici nella Cisgiordania occupata, fu uno degli artefici della costruzione della centrale nucleare di Dimona e fu responsabile, in quanto primo ministro, del bombardamento di Qana, che nel 1996 uccise 106 civili nell’ambito dell’operazione militare battezzata Operazione grappoli d’ira. I bombardieri israeliani colpirono la base delle Nazioni Unite (Onu) di Qana, in Libano, abbattendo le baracche che sorgevano intorno sulle quali campeggiava la scritta Un e ardendo vivi 106 libanesi e quattro caschi blu dell’Onu.

L'ex capo di stato israeliano Shimon Peres
Shimon Peres è stato uno dei politici più importanti nella storia di Israele, di cui era stato, tra l’altro, primo ministro e presidente della Repubblica (Photo by Michael Kovac/WireImage)

Stato israeliano e stato arabo

Qualsiasi aspetto della carriera politica di Shimon Peres si decida di far prevalere non si può negare che l’ex presidente israeliano comprese l’assoluta urgenza di un dialogo costruttivo tra Israele e Palestina. “Non c’è alternativa alla pace e fare la guerra è senza senso”, dichiarò spiegando la necessità di “avere uno stato ebraico chiamato Israele e uno stato arabo chiamato Palestina, che non combattano, ma vivano insieme in amicizia e cooperazione”.

Articoli correlati